Effetti speciali, 10 “trasformazioni” da antologia (video)

di Pietro Ferraro 3

Oggi per la rubrica dedicata agli effetti speciali e visivi proviamo a stilare una classifica in cui elenchiamo quelle che secondo noi sono le migliori trasformazioni/mutazioni create su grande schermo dagli esperti di Hollywood e non solo e che in molti casi hanno fruttato più di qualche prestigioso riconoscimento tecnico come l’ambito Oscar.

Dopo il salto la nostra personale top 10, naturalmente è doveroso avvertire i più sensibili che alcune immagini potrebbero risultare oltremodo disturbanti e come di consueto per qualsiasi aggiunta o segnalazione lo spazio commenti è a vostra disposizione.

1-UN LUPO MANNARO AMERICANO A LONDRA di John Landis (USA, 1982)

La memorabile mutazione da plenilunio live-action con uno strabiliante mix di make-up ed animatronica valse un Oscar a Rick Baker.

2-TRANSFORMERS/TRANSFORMERS 2-LA VENDETTA DEL CADUTO di Michael Bay (USA 2007/2009)

Davvero impressionante il lavoro svolto dalla Industrial Light & Magic di Lucas e la Digital Domain di Cameron, maniacale nel curare dettagli che nella concitazione delle sequenze action spesso rischiano di passare inosservati, una dimostrazione di estrema professionalità e maestria.

3-LA COSA di John Carpenter (USA,1982)

Rob Bottin tocca visivamente vette innenarrabili con il suo alieno polimorfo da incubo.

4-ATTO DI FORZATOTAL RECALL di Paul Verhoeven (USA, 1991)

Oscar speciale per Rob Bottin e il suo team, ancora una volta in scena lo stato dell’arte di make-up ed animatronica.

5-YATTAMAN-IL FILM di Takashi Miike (Giappone, 2009)

Un vero gioiello questa trasposizione live-action dell’amatissimo anime della nipponica Tatsunoko, azzeccatissimi effetti visivi realizzati in una CGI volutamente iper-fumettosa.

6-WOLFMAN di Joe Johnston (USA, 2010)

Rick Baker dimostra come CGI e make-up tradizionale possano convivere e convincere su grande schermo, il suo lavoro vede il travagliato Wolfman in lizza per entrare tra i nominati agli Oscar 2011.

7-VIDEODROME di David Cronenberg (USA, 1983)

Ancora la mano di Rick Baker dietro alle disturbanti mutazioni tecno-genetiche del cult di Cronenberg.

8-LA MOSCA di David Cronenberg (USA, 1986)

Cronenberg rivisita L’esperimento del Dottor K, fortunato B-cult con Vincent Price e il make-up artist Chris Walas ne mette in scena le disturbanti digressioni mutagene, per lui e il suo team di make-up artist un sacrosanto Oscar per il miglior trucco.

9-IRON MAN 2 di John Favreau (USA, 2010)

Il regista John Favreau per questo secondo capitolo sceglie di miscelare sequenze con armature reali realizzate dal compianto Stan Winston a sequenze di transizione realizzate in CGI dalla Industrial Light & Magic creando uno strepitoso realismo hi-tech.

10-COME D’INCANTO di Kevin Lima (USA, 2007)

Delizioso ed ironica comedy della Disney che gioca con in classici che hanno fatto la fortuna della factory di Topolino, magistrale sequenza finale con mutazione in drago che miscela elementi visivi tipici dell’animazione tradizionale, CGI ed un fumettoso e davvero azzeccato tocco live-action, tra le società che hanno collaborato alla realizzazione anche la Weta digital di Peter Jackson.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>