10 maghi degli effetti speciali

di Pietro Ferraro 7

Oggi classifica particolare dedicata ai grandi maestri degli effetti speciali, quelli che ancor prima dell’avvento della più economica e un pò fredda CGI creavano vere e proprie opere d’arte miscelando make-up tradizionale all’animatronica, mix che pernetteva anche agli attori sul set di interagire fisicamente con vere e proprie creature capaci di movimenti e reazioni.

Così dopo il pioniere Ray Harryhausen che con la sua strabiliante stop-motion incantò milioni di spettatori, ecco susseguirsi una serie di talenti spinti dalla passione per un cinema di genere a cui l’etichetta di B-movie andava sempre più stretta e che ancora oggi restano un sicurezza in fatto di professionalità, esperienza e creatività.

Dopo il salto troverete una top ten con quelle figure professionali ed artistiche che secondo noi hanno tracciato un percorso creativo senza il quale il cinema di genere non avrebbe partorito incubi tanto reali da rimanere impressi per sempre nell’immaginario di milioni di spettatori e generazioni di cineasti.

IO MAGHI DEGLI EFFETTI SPECIALI

1-RAY HARRYHAUSEN (29 giugno 1920)-una stella sulla Hollywood Walk of Fame

Creazioni cult: il Rhedosaurus ne Il risveglio del dinosauro, i memorabili scheletri guerrieri ne Il 7° viaggio di Sinbad e le creature mitologiche di Scontro di Titani.

2-STAN WINSTON (1946-2008)-3 Premi Oscar

Creazioni cult: Il Predator nell’omonimo cult del 1987, la regina aliena nel sequel Aliens-Scontro finale, il make-up di Johnny Deep in Edward mani di forbice, il T-Rex animatronico in Jurassic Park di Spielberg, gli effetti da premio Oscar del sequel Terminator 2: Il giorno del giudizio.

3-RICK BAKER (8 dicembre 1950)-6 Premi Oscar

Creazioni cult: mutazione live-action in Un Lupo mannaro americano a Londra, il make-up di Jim Carrey ne Il Grinch, make-up dei gorilla ne Il grande Joe e nel remake di Tim Burton Il pianeta delle scimmie.

4-CARLO RAMBALDI (15 SETTEMBRE 1925)-3 Premi Oscar

Creazioni cult: il gorilla da 12 metri creato per il sequel del 1976 King Kong 2, l’indimenticabile alieno in E.T. L’extraterrestre di Spielberg e lo xenomorfo dell’Alien di Ridley Scott in collaborazione con lo scultore H.R. Giger.

5-TOM SAVINI (3 novembre 1946)

Creazioni cult: gli effetti speciali per il primo capitolo della saga slasher Venerdì 13 e il memorabile make-up per Zombi e Il giorno degli Zombi di Romero.

6-JIM HENSON (1936-1990)

Creazioni cult: Il leggendario maestro Yoda del cult Star Wars in collaborazione con il regista Frank Oz e tutti i memorabili personaggi che hanno popolato i mondi fantasy di The Dark Crystal e Labyrinth-Dove tutto è possibile, su tutti il nano con testa animatronica Gogol.

7-GREG NICOTERO (15 maggio 1963)

Creazioni cult: gli effetti splatter e animatronici nei sequel Evil Dead 2 e L’armata delle tenebre di Sam Raimi, il rinnovato look da boogeyman del Freddy Krueger di Nightmare 7-Nuovo incubo di Wes Craven, ma soprattutto lo splendido lavoro nel B-cult Re-animator 2 di Brian Yuzna.

8-ROB BOTTIN (1 aprile 1959)

Creazioni cult: il suo apporto ne L’ululato di Joe Dante, le teste in animatronica di Atto di forza, l’armatura del Robocop di Verhoeven e naturalmente le disturbanti mutazioni nel remake cult di John Carpenter La cosa.

9-SERGIO STIVALETTI (1957)

Creazioni cult: il fantastico lavoro nei due Demoni di Lamberto Bava, i disturbanti effettacci gore della filmografia argentiana e una notevole tuta per un demone comparso ne La chiesa di Michele Soavi.

10-KEVIN YAGHER (23 giugno 1962)

Creazioni cult: grazie all’utilizzo del make-up prostetico nel secondo capitolo della serie Nightmare crea il look definitivo del Freddy Krueger/Robert Englund che ci accompagnerà in tutte le successive pellicole, suo anche il make-up di Jim Carrey nella fiaba dark Lemony Snicket-Una serie di sfortunati eventi.

Commenti (7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>