Top 5 – Le più belle creature di Ray Harryhausen: il Kraken, Mighty Joe Young e tutti gli altri mostri

di Redazione Commenta

Il più bel modo di ricordare Ray Harryhausen, scomparso oggi all’età di 92 anni, è quello di stilare un elenco delle creature con le quali ha cambiato la storia del cinema d’animazione, migliorando l’utilizzo degli effetti speciali. Creature, le sue, che con il tempo sono diventate mitologiche.

Vulture, Pegasus, Calibos, Bubo, Dioskilos, Medusa, Scorpions, Kraken, e ancora Talos, Harpies, Hydra e Skeletons. Sono solo una minima parte dei mostri creati da Ray Harryhausen, il pioniere degli effetti speciali scomparso oggi all’età di 92 anni.

Ne abbiamo scelti alcuni, per ripercorrere la carriera di un ‘addetto ai lavori’ che ha cambiato il modo di interpretare l’animazione cinematografica introducendo le tecniche che hanno dato il via alla modernità.

Non è un caso che in film del nostro tempo quali “La sposa cadavere” (nel film di Tim Burton, Harryhausen diventa la marca del pianoforte che si trova nella casa della famiglia Everglot) e “Monster & Co.”, alcune sue scene siano “citate” in maniera velata.

La nostra speciale classifica, un’intensa top five alla quale seguono altri esseri mitologici, è nel contempo il modo scelto per salutare e ringraziare Harryhausen.

Top 5: Le più belle creature di Ray Harryhausen

Mighty Joe Young  (1949)

Rhedosaur (1953, da “Il risveglio del dinosauro”)

Gwangi vs Elephant (1969, da “La vendetta di Gwangi”)

Smilodon vs Troglodyte (1977, da “Sinbad e l’occhio della tigre”)

Kraken (1981, da “Scontro tra titani”)

Gli altri mostri: Scorpions, Cyclops, Medusa e Pegasus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>