Statue da collezione: il Predalien

di Pietro Ferraro 4

Da questa settimana parte una nuova rubrica dedicata al mondo dei gadget cinematografici e comprenderà tutto quello che riguarda action-figures, riproduzioni in scala, maschere, oggettistica e via discorrendo.

In una cittadina del Colorado continua l’epica battaglia tra i gli Alien ed i Predator, ma stavolta c’è un giocatore in più in campo, che non gioca in nessuna delle due squadre, è il Predalien, una nuova razza figlia di un mostruoso incrocio, ed intenzionata a fare della terra il proprio personale terreno di caccia.

Visto che siamo all’inizio puntiamo subito alto con una splendida riproduzione dell’ibrido Predalien, creatura protagonista del film Alien vs. Predator:Requiem nata dalla fusione dei DNA della razza dei Predator e quella degli Alien, una vera macchina di morte che riunisce le letali peculiarità predatorie di entrambe le creature cinematografiche.

Questa bellissima mostruosità, è alta circa 70 cm, prodotta in soli 500 esemplari, dettagliatissima e dipinta a mano, il suo design è basato su disegni e sculture originali usate dai laboratori di effetti speciali che hanno collaborato alla realizzazione del film, qusto tipo di statue sono il top della categoria, vengono denominate in gergo Maquette per differenziarle da altri prodotti più economici e per ribadirne il concept di base, che è quello dei disegni originali provenienti dai set cinematografici.

Esistono anche versioni più contenute ed economiche del Predalien, si va dalle action figures articolate da trenta centimentri, anche queste molto dettagliate, di altissimo livello e dai prezzi molto contenuti, come quella che vedete qui a fianco, per arrivare ai più costosi ma stupefacenti  diorama, vere e proprie riproduzioni di combattimenti e pose plastiche che riproducono fedelmente le sequenze dei film, anche queste, come le statue molto grandi e dai dettagli veramente impressionanti.

Alien e Predator rappresentano sicuramente il catalogo più vasto per questo target di prodotti, avremo modo durante i prossimi appuntamenti di approfondire il mondo creato da questi maestri scultori che ci permettono di avere in casa queste vere e  proprie opere d’arte.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>