10 Vampiri da commedia

Dopo avervi proposto ieri una classifica sui licantropi, oggi ve ne proponiamo una sui vampiri stavolta però in una divertente digressione comedy, partendo dallo spassoso Dracula del cartoon Hotel Transylvania sino ad arrivare al Conte Vlad di Leslie Nielsen. Trovate la nostra top 10 subito dopo il salto.

10 presidenti americani al cinema

Oggi riflettori puntati sulle presidenziali americane, entro domani scopriremo chi tra Obama e Romney sarà il nuovo Presidente degli Stati Uniti e in concomitanza con la fine delle elezioni, il prossimo 9 novembre, avrà una prima uscita limitata negli States il biopic storico Lincoln di Steven Spielberg.

Una pallottola spuntata 33⅓ – L’insulto finale, recensione

Frank Drebin (Leslie Nielsen) si è ritirato dalla polizia e ora vive una vita tranquilla, ma anche priva di stimoli con sua moglie Jane Spencer (Priscilla Presley). A Drebin però manca davvero troppo il suo lavoro e sente un vuoto incolmabile nonostante l’amore della sua Jane. Fortuna che arrivano i suoi vecchi amici Ed Hocken (George Kennedy) e Nordberg (OJ Simpson) a salvarlo dal suo infernale tran tran quotidiano da pensionato chiedendogli un aiuto in un’indagine molto importante. La Squadra di polizia ha saputo attraverso una soffiata che un folle dinamitardo di nome Rocco Dillon (Fred Ward), che è attualmente detenuto in un carcere di massima sicurezza, è stato ingaggiato per condurre un atto terroristico contro gli Stati Uniti. A Drebin verrà chieso di infiltrarsi nel carcere sotto copertura, fare amicizia con Dillon e carpirgli più informazioni possibili sull’attentato e sui suoi complici.

Horror Movie, recensione in anteprima

Stan Helsing (Steve Howey), dipendente di un negozio di noleggio video che si appresta a terminare il turno per partecipare con alcuni amici ad una festa in maschera per Halloween, viene incaricato all’ultimo momento dall’odioso direttore del negozio di consegnare alcuni film alla madre del proprietario. Stan riluttante è costretto ad accettare visto che il suo superiore poco più che adolescente gli prospetta un futuro da disoccupato. Gli amici con cui Stan deve andare alla festa, l’improbabile e sovrappeso supereroe Teddy (Kenan Thompson), l’ex-fidanzata/Pocahontas Nadine (Diora Baird) e l’ex-spogliarellista attualmente massaggiatrice Mia (Desi Lydic) non sono molto d’accordo visto che la piccola deviazione li porterebbe dal lato opposto della città, rischiando di fargli perdere la festa.

Film parodia di Michael Moore, An american carol

Oggi torniamo ad occuparci degli spoof-movies o parodie che dir si voglia proponendovi An American Carol , pellicola ancora inedita in Italia diretta dal David Zucker della serie La pallottola spuntata, che ha recentemente anche preso le redini della serie Scary Movie dirigendone il terzo e quarto capitolo.

Il film oltre a parodiare in primis il documentarista/attivista d’assalto Michael Moore interpretato per l’occasione dal comico Kevin Faley già apparso con Adam Sandler in Waterboy e Zohan-Tutte le donne vengono al pettine, prende a prestito il classico dickensiano Canto di Natale con tre fantasmi che stavolta faranno visita al filmaker onde farlo rinsavire, visto che sta portando avanti una campagna per abolire il 4 luglio.

L’impero colpisce ancora e La febbre del sabato sera tra i titoli da preservare

Anche quest’anno l’archivio National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti ha rilasciato i 25 titoli che andranno a far parte della libreria delle opere cinematografiche da preservare raggiungendo così la ragguardevole cifra totale di 550 film conservati.

Dopo il salto potete consultare la lista integrale dei titoli selezionati tra cui spiccano L’aereo più pazzo del mondo con protagonista il compianto Leslie Nielsen, L’impero colpisce ancora seconda puntata della trilogia di Star Wars, l’horror L’esorcista, il memorabile Tutti gli uomini del presidente con l’accoppiata Robert Redford/Dustin Hoffman, il classico con Travolta La febbre del sabato sera e il cortometraggio del ’67 Labirinto elettronico: THX 1138 4EB, saggio conclusivo per il master universitario dell’allora studente in cinematografia George Lucas.

10 babbi natale da commedia

Anche quest’anno tornano le suggestioni natalizie con tanto di addobbi, regalie, alberi di Natale e l’attesa per i più piccini dell’apertura dei regali e dell’arrivo di Babbo Natale, nonostante il tentativo di molti e per fortuna la riuscita di pochi di dare qualche spallata alla mitologia del panciuto nonno lappone di rosso vestito, vedi il recente spot francese degno di una trovata di Crudelia De Mon, la magia del Natale resta comunque qualcosa che funziona a prescindere e di questo è responsabile anche il cinema che collabora con pellicole ad hoc a corroborare la causa di Santa Claus, che resta cinismo a parte una delle figure più amate e conosciute da grandi e piccini.

Detto ciò anche il grande schermo ha contribuito a dissacrare e in parte a rivisitare il mito di Babbo Natale, ma bisogna dire che anche nelle commedie più cattive, vedi il Babbo Bastardo con Bill Bob Thornton, lo spirito natalizio non può fare a meno di far capolino e ricordarci tra una nevicata, una fetta di panettone e un coro natalizio che almeno in questo periodo dell’anno tutti dovremmo, come ci insegnano le vicissitudini del cinico Scrooge, tirare fuori il meglio di noi.

In occasione dell’uscita quest’oggi nei cinema del cinepanettone di Aldo, Giovanni e Giacomo La banda dei babbi natale, abbiamo deciso di selezionare dieci babbi natale da commedia che secondo noi meglio rappresentano lo spirito natalizio da grande schermo e al contempo in qualche modo si allontanano dalla tradizionale figura natalizia del nonno più amato di sempre, quindi vi lasciamo subito dopo il salto alla nostra top ten augurandovi un felice Natale.

Ransom-Il riscatto, recensione

La vita all’apparenza tranquilla del magnate Tom Mullen (Mel Gibson) viene sconvolta dal rapimento di suo figlio, il piccolo Sean che viene prelevato con un escamotage durante una fiera della scienza propio mentre era sotto la custodia del padre.

Dopo il panico iniziale e la disperazione, vista l’ostentata ricchezza della famiglia del ragazzino non passerà molto prima che i sequestratori si facciano vivi, avvertendo da copione i genitori che se la polizia sarebbe stata avvertita per il figlio non ci sarebbe stato alcuno scampo.

L’FBI ci metterà ben poco ad intervenire anche se lo farà con la massima discrezione grazie all’agente Lonnie Hawkins (Delroy Lindo) e al suo team di esperti in sequestri che monitoreranno la situazione, compresa la consegna del riscatto che però si rivelerà un buco nell’acqua.

Leslie Nielsen e la mancata Pallottola spuntata 4

Con la notizia della recente scomparsa del grande Leslie Nielsen il sito Cinema Blend rispolvera un progetto che riguardava l’attore americano e una delle sue serie più amate, la spassosa trilogia di Una pallottola spuntata, che dopo i deludenti risultati del terzo capitolo Una pallottola spuntata 33⅓: l’insulto finale prevedeva si un quarto capitolo, ma senza Nielsen e prodotto direttamente per l’home video.

Il progetto della Paramount. secondo Movie Hole dal titolo provvisorio di The Naked Gun : What For? The Rhythm of Evil entrato in fase di sviluppo e li rimasto, sembra non potesse comprendere Nielsen per un problema di budget, visto che l’attore sarebbe risultato troppo costoso per una produzione direct-to-video, scelta quest’ultima figlia dell’incasso di circa 50 milioni di dollari di Una pallottola spuntata 33⅓: l’insulto finale che rappresentò all’epoca l’incasso più basso della serie.

Leslie Nielsen è morto

Leslie Nielsen è morto domenica in Florida, in un ospedale vicino alla sua casa di Fort Lauderdale circondato dagli amici e dalla moglie, all’età di 84 anni per le complicazioni di una polmonite. Lo ha riferito il suo portavoce.

Nielsen, attore comico e doppiatore canadese (nato a Regina l’11 febbraio 1926), dopo quasi vent’anni di gavetta (apparve come guest star in numerose serie televisive in ruoli seriosi), arriva alla consacrazione grazie ad alcuni indimenticabili film comici, come L’aereo più pazzo del mondo e alla trilogia di Una pallottola spuntata (nei panni dell’inimitabile detective Frank Drebin).

L’aereo più pazzo del mondo compie trent’anni

In un periodo in cui i cosiddetti spoof-movies o se preferite parodie cinematografiche escono a ripetizione e sinceramente si rivelano sempre più pellicole di mediocre se non infima qualità, vedi i recenti Epic e Disaster movie, oggi vogliamo celebrare i trent’anni del classico anni ’80 L’aereo più pazzo del mondo, uno dei capostipiti del genere demenziale che ha aperto la strada a decine e decine di parodie che nel corso di un trentennio hanno trasformato un filone in un vero e proprio genere con tutti i crismi.

Tutto inizia nel 1980 quando i fratelli David e Jerry Zucker e l’inseparabile amico Jim abrahams decidono di creare una parodia nella parodia, partendo da uno script basato su Zero Hour! film della Paramount datato 1957 e realizzato durante le rappresentazioni teatrali che il terzetto, conosciuto all’epoca come ZAZ,  metteva in scena per il Kentucky Fried Theater.

Film parodia poliziesco tv, Una pallottola spuntata

leslie-nielsen

Oggi parodia cinematografica dedicata al classico firmato da Jim Abrahams e David Zucker Una pallottola spuntata, primo capitolo di una fortunata trilogia che vede l’accoppiata de L’aereo più pazzo del mondo ripescare la serie tv Police Squad! in Italia Quelli della pallottola spuntata, trasmessa nel 1982 dalla ABC per soli sei episodi.

La serie con protagonista Leslie Nielsen (tenente Frank Drebin), che ritroveremo anche nella trilogia cinematografica, è una vera e proprio parodia dei polizieschi televisivi, un pò come lo era stato Get Smart per il genere spionistico, che ha visto transitare nel cast star come William Shatner, il capitano Kirk nel classico Star Trek e future star del piccolo schermo come David Schwimmer, il Ross Geller dell’amatissima sit com Friends, ed Anthony Edwards, il dottor Mark Green del medical E.R Medici in prima linea.

Film parodia di Spiderman, Superhero

superhero_movie01

Per le parodie cinematografiche oggi parliamo di Superhero-Il più dotato fra i supereroi, primo spoof-movie dedicato agli acclamati cinefumetti di ultima generazione, e che vede parodiare oltre allo Spiderman di Sam raimi, anche il Batman di Chris Nolan e Gli X-Men di Brian Singer.

Nel folto cast figurano l’onnipresente Leslie Nielsen, ormai una vera garanzia per il genere, e direttamente dal quarto capitolo di Scary movie Craig Bierko (Wolverine), Regina Hall (Mrs,. Xavier) e Pamela Anderson (la donna invisibile). Il giovane protagonista Drake Bell, che fa il verso al Peter Parker di Tobey Maguire, è un cantautore americano già visto in alcuni serial tv e sul grande schermo nel family-movie I tuoi, i miei e i nostri e accanto aTom Cruise in Jerry Maguire.

Il film sceneggiato da Craig Mazin (Scary movie 4) in origine doveva essere diretto David  Zucker, poi il progetto è passato in toto nelle mani di Mazin che lo ha anche diretto. Dopo il salto vi proponiamo tre video con alcune divertenti sequenze tratte dal film. Buona visione.

Film parodia di L’esorcista

riposseduta

Oggi per le parodie cinematografiche ci occupiamo di Riposseduta, divertente spoof-movie datato 1990 che fa il verso a uno dei film piu inquietanti di sempre, il famigerato L’esorcista di William Friedkin.

A mettere mano al cult di Friedkin tratto dall’omimo best seller di William Peter Blatty il miscoscociuto regista e sceneggiatore Bob Logan (Meatballs 4), la trama vede una casalinga americana, interpretata da Linda Blair la posseduta dell’originale, alle prese con un’influenza che si rivelerà nientemeno che l’anticamera di una possessione demoniaca. L’esorcismo della donna operato da un monsignore (Leslie Nielsen) inviato dal Vaticano avverrà in diretta tv.