Isabel Coixet: l’altra metà del cielo

di Pietro Ferraro 5

Isabel Coixet nasce a Barcellona (Spagna) il 9 Aprile 1960, gli esordi sono nella pubblicità prima in veste di copywriter, poi realizzando alcuni spot pubblicitari.

Dopo aver fondato la casa di produzione Miss Wasabi Films,  la Coixet si avvicina al mondo del cinema nel 1983 come sceneggiatrice, per poi esordire dietro la macchina da presa tre anni più tardi con il film Demasiado viejo para morir joven.

E’ subito chiara l’intenzione della regista di narrare l’universo femminile nel suo quotidiano e prosegue su questo percorso narrativo anche con il secondo lungometraggio, e prima produzione in lingua inglese, Le cose che non ti ho detto.

Dopo il melò del 1998 A los que aman inedito in Italia, la regista gira nel 2003 La mia vita senza di me, ancora melò ed una malattia che incrina un quotidiano fatto di normalità e famiglia,

Nel 2003 è la volta di Le parole segrete della vita con l’attrice feticcio della regista Sarah Polley ed un sorprendente Tim Robbins, quattro i premi Goya assegnati alla pellicola e affermazione in campo internazionale l’autrice spagnola.

Dopo aver girato alcuni videoclip e documentari, tra questi Paris, je t’aime del 2006 e Invisibles del 2007, il 2008 è l’anno di Lezioni d’amore, adattamento del romanzo The Dying Animal di Philip Roth, produzione hollywodiana con Ben Kingsley, Penelope Cruz e Dennis Hopper. Il film sarà nelle sale italiane a partire dal 30 Aprile 2009.

Commenti (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>