Clark Gregg: la carriera d’attore, tanta TV e l’esordio alla regia

di Pietro Ferraro 2

 Clark Gregg nasce a Boston (Massachussets-USA) il 2 Aprile 1962, figlio di un ministro episcopale trascorre la sua infanzia nel North Carolina, e dopo la laurea, conseguita presso l’Ohio Wesleyan Univerity si dedica alla recitazione iscrivendosi al corso di arte drammatica della New York University.

Grande amico di Gregg l’attore William H. Macy con cui muoverà i primi passi nel mondo del cinema, Macy, amico del regista David Mamet consiglia al regista l’amico che debutta con un piccolo ruolo ne Le cose cambiano.

Dopo un altro ruolo sul grande schermo accanto a Paul Newman ne L’ombra dei mille soli, una lunga serie di apparizioni tv, tra queste lo vedremo anche in Law & Order, Le avventure del giovane Indiana Jones, Il commissario Scali e Il tocco di un angelo.

Il cinema purtroppo lo relega comunque a ruoli di secondo piano in grandi produzioni, recita ne I soliti sospetti, Sotto il segno del pericolo, Spartan e recentemente nel cinefumetto Iron Man e nel romance Il bacio che aspettavo.

Dal 2000 al 2005 ancora tanta tv con Sex and the City, Practice-professione avvocati, The West Wing e CSI: NY. Il 21 Luglio del 2001 sposa l’attrice Jennifer Grey, protagonista nel ruolo di Baby nel romance musicale Dirty Dancing.

In questi ultimi anni lo vedremo comparire in tantissime pellicole come One Hour Photo con Robin Williams, A.I. Intelligenza artificiale il pinocchio hi-tech di Steven Spielberg, We Were Soldiers il Vietnam secondo Mel Gibson ed i thriller Ore 11.14-Destino fatale e Chiamata da uno sconosciuto.

Dal 15 Maggio 2009 nei cinema Soffocare, il lungometraggio d’esordio di Gregg in veste di  regista che sceglie di trasporre su schermo un romanzo dell’autore Chuck Palahniuck autore del best seller Fight Club. Il sessodipendente Sam Rockwell sbarca il lunario tra rappresentazioni storiche in costume e finti malori in ristoranti esclusivi. Nel cast anche Anjelica Huston nel ruolo della bizzarra madre di Rockwell ricoverata in un’istituto psichiatrico.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>