Christina Hendricks nel dramma Bomb, Annette Bening in trattative

Collider riporta che l’attrice Christina Hendricks, volto noto della pluripremiata serie tv Mad Men ambientata negli anni ’60, è entrata nel cast di un altro film sempre con la medesima ambientazione dal titolo Bomb scritto e diretto da Sally Potter. Il film segue due adolescenti ribelli (Elle Fanning ed Alice Englert) che “sono coinvolte nel movimento Ban the Bomb e nella rivoluzione sessuale“.

Annette Benning in Imogene

Collider ci aggiorna sul progetto Imogene di Kristen Wiig protagonista e sceneggiatrice del campione d’incassi comedy Le amiche della sposa, la Wiig interpreterà una commediografa di New York che finge un tentativo di suicidio per riconquistare il suo ex-fidanzato, naturalmente il piano le si ritorcerà contro e lei sarà messa sotto la custodia della madre dipendente dal gioco d’azzardo.

Charlie Day in Pacific Rim, Zoe Saldana e Mark Ruffalo in Infinitely Polar Bear, Annette Bening in He loves me

Charlie Day reciterà in Pacific Rim, il monster movie per ragazzi di Guillermo del Toro con Charlie Hunnam, che uscirà nell’estate del 2013, incentrato sul tentativo di invadere la Terra da parte di una razza aliena.

Zoe Saldana e Mark Ruffalo saranno i protagonisti di Infinitely Polar Bear, il drammatico matrimoniale diretto da Maya Forbes, prodotto da J.J. Abrams, che racconta la storia di un padre di famiglia che soffre di disturbi bipolari che, dopo aver smesso di prendere le medicine, perde il lavoro e vede il proprio matrimonio andare in frantumi.

I ragazzi stanno bene, recensione in anteprima

Nic (Annette Bening) e Jules (Julianne Moore) sono una coppia lesbica sposata che vive in California, entrambe sono madri grazie ad un’unico donatore anonimo di seme che gli ha permesso di concepire gli amatissimi figli Laser (Josh Hutcherson) e Joni ((Mia Wasikowska) che le due donne hanno cresciuto nell’amore.

Nic è un ostetrica mentre Jules sta ancora cercando la sua strada dopo una laurea in architettura e un paio di attività non andate a buon fine, all’insaputa delle due Laser non ancora maggiorenne chiede alla sorella in procinto di lasciare la famiglia per affrontare il college di contattare la banca del seme per scoprire l’identità del loro padre biologico.

Joni accontenterà il fratello e i due incontreranno Paul (Mark Ruffalo) che sembra molto felice di poterli conoscere. Paul è un tipo attraente, non si è mai sposato, ha un ristorante e una coltivazione biologica e si affeziona da subito ai due ragazzi, che troveranno in lui un amico ed una figura paterna decidendo così di rendere partecipi della loro decisione anche le loro madri.

Oscar 2011, Migliore attrice protagonista: chi vincera?

Quest’oggi per lo spazio dedicato agli imminenti Oscar 2011 dopo la categoria Miglior attrice non protagonista ci occupiamo di un’altra cinquina tutta al femminile, con le candidate di quest’anno all’ambita stauetta per la Miglior attrice protagonista.

Categoria decisamente affollata a livello di talenti quella per la miglior performance femminile, che quest’anno vede tre candidature fare il paio con i film in lizza per il miglior film dell’anno e su cinque il consueto ruolo di outsider, quest’anno assegnato a Michelle Williams per il dramma-romance Blue Valentine.

Dopo il salto trovate la cinquina di candidate corredata da una galleria fotografica.

The London Critics’ Circle Film Awards 2011, vincitori: The Social Network film dell’anno

I critici londinesi hanno annunciato i vincitori dei The London Film Critics Circle Awards 2011 e si è ripetuto il duello che presumibilmente vedremo anche in occasione degli Oscar 2011, quello tra The Social Network e Il discorso del re: questa volta lo scontro è stato vinto da The Social Network, che si è accaparrato il premio per il miglior film dell’anno, quello per la miglior sceneggiatura e quello per il miglior attore non protagonista. Il discorso del re, invece, si è portato a casa il premio come film inglese dell’anno, quello per l’attore dell’anno e per la regia.

Dopo il salto potete leggere la lista completa dei vincitori.

Colin Firth e Nicole Kidman in Stoker, Die Hard 5, The Third Act, Abraham Lincoln: Vampire Hunter: novità

Colin Firth e Nicole Kidman dovrebbero entrare a far parte del cast di Stoker, il film d’esordio in lingua inglese di Chan Wook-Park: gli attori saranno rispettivamente lo zio e la madre di India Stoker, eccentrica teenager (Mia Wasikoska) protagonista della storia.

Dominic Cooper sarà Henry Strugess, il mentore del presidente americano alle prese con la caccia ai succhiasangue, in Abraham Lincoln: Vampire Hunter, il film con Benjamin Walker e Anthony Mackie.

Golden Globe 2011, vincitori: The Social Network batte tutti

Si è svolta ieri sera la cerimonia dei Golden Globe Awards 2011 e non ci sono state grandi novità: The Social Network si è portata a casa i tre titoli per i quali era accreditata, quello di miglior film, miglior regista e miglior sceneggiatura non originale, più un quarto per la miglior colonna sonora e gli altri si sono dovuti accontentare dei riconoscimenti ai propri attori (oltre alla accoppiata Colin Firth – Nathalie Portman nella sezione drama, c’è stato il doppio The Fighter, tra gli attori non protagonisti).

Conferme anche per I ragazzi stanno bene che ottiene due globi e Toy Story 3 che vince il premio per il miglior film d’animazione, mentre c’è delusione per l’Italia a causa della sconfitta di Io sono l’amore battuto da In un mondo migliore nella corsa per il miglior film straniero.

Dopo il salto potete vedere la lista completa dei vincitori. Vi ricordo che su Serietivu trovate un post dedicato alle sezioni seriali, mentre su Lussuosissimo lo spazio dedicato al Red Carpet.

Golden Globe 2011, gli sconfitti

Archiviati i Golden Globe 2011, che come consuetudine rappresentano una sorta di anticamera dei successivi Oscar ponendo di fatto le basi per eventuali futuri vincitori dell’ambita statuetta, possiamo tirare le somme e vedere chi tra i candidati torna a casa deluso e con qualche malumore in più.

Cominciamo con le due categorie principali, miglior film drammatico e miglior comedy, per il primo senza dubbio esce sconfitto su tutti i fronti Inception che non porta a casa  neanche un premio di consolazione, il cervellotico blockbuster di Christopher Nolan che ha rastrellato un consenso di pubblico da plebiscito, si vede soffiare il podio dal notevole The Social Network di David Fincher che ha dalla sua un’intrigante storia vera di business new-generation con tutti i tradimenti, i miliardi e gli scandali del caso.

Festival di Roma 3 novembre: oggi Toni Servillo, Miyazaki e Waiting for Superman

Festival Internazionale del Film di Roma settima giornata, ieri red carpet per la splendida Julianne Moore giunta a Roma per ritirare un Marc’aurelio speciale per la sua carriera d’attrice e presentare fuori concorso I ragazzi stanno bene (The kids all right) di Lisa Cholodenko, in cui insieme ad Annette Bening interpreta una madre lesbica con due figli avuti da un donatore di sperma, a proposito delle famiglie gay l’attrice in conferenza stampa ha ribadito:

Ormai negli States è assolutamente normale che sia così, i miei figli vanno a scuola e hanno compagni con due mamme, altri che hanno due papà. La cosa veramente importante non è questa: ciò che conta davvero è che i figli siano amati, seguiti nel loro percorso di vita e aiutati ad affrontare il momento in cui dovranno andare via.

Festival di Roma 2 novembre: oggi Julianne Moore, Salvatores e l’omaggio a Suso Cecchi d’Amico

Sesta giornata per il Festival Internazionale del Film di Roma, ieri eventi di punta le proiezioni di Rabbit Hole e The Social Network che hanno visto sfilare rispettivamente sul red carpet Aaron Eckhart per la prima  produzione targata Nicole Kidman e Jesse Eisenberg per l’atteso film su Facebook firmato da David Fincher.

Eisenberg durante la conferenza stampa ha sfoggiato una certa sicurezza tenendo testa alle domande dei giornalisti:

Festival di Berlino 2010, settimo giorno

386712672_a6fecaa84d

Ancora cinema e ancora Festival di Berlino quest’oggi, ma prima di passare al programma odierno qualche news direttamente dalla rassegna, sembra che Scorsese dopo l’accoglierza positiva del suo Shutter Island abbia già in mente due progetti, un nuovo gangster-movie e addirittura un remake del cult Taxi Driver, che pare potrebbe essere diretto da Lars Von Trier, e ancora reazioni per alcune sequenze shock nel film giapponese Caterpillar, in cui una moglie fa sesso con il marito mutilato di guerra e privo di arti.

Ed ora passiamo al programma odierno con le canoniche sei proiezioni e tre film da approfondire, iniziamo con la comedy fresca di Sundance The kids are all right di Lisa Cholodenko, la regista esplora le dinamiche di una famiglia alternativa formata da una coppia lesbo, con figli concepiti con l’ausilio di  una banca del seme. Tutto sembra filare liscio, almeno sino a quando uno dei figli della coppia non decide di contattare il padre/donatore, il quale porterà un bel pò di scompiglio nel sino a quel momento tranquillo menage familiare. Protagoniste della pellicola Annette Bening e Julianne Moore.

Sundance Film Festival 2010, nono giorno

sundance2010120209-1260218397

Mentre ci approssimiamo alle battute finali del Sundance Film Festival 2010,  proseguiamo il nostro spazio quotidiano dedicato al programma e ai film selezionati per la rassegna.

Oggi giornata molto intensa prima del week-end finale, ben 40 le pellicole in concorso proiettate per le quattro sezioni principali, e quattro gli eventi speciali fuori concorso, tra questi oggi vi parliamo del drama Twelve e della comedy The kids all right.