Sam Mendes: il fascino del quotidiano

di Redazione 2

Samuel Alexander Mendes nasce a Reading (Inghilterra) il 1° Agosto 1965, padre professore di letteratura, madre autrice di libri per l’infanzia, i due si separano quando Sam ha solo cinque anni, studia allla Magdalene College School di Oxford, per poi laurerarsi ne 1987 all’università di Cambridge.

Il teatro è tappa fondamentale per il regista che dopo una lunga gavetta, riceve premi e riconoscimenti, dopo il suo arrivo nella Royal Shakespeare Company dirige Ralph Fiennes nel Riccardo III, si guadagna in dieci anni quattro Tony award e dirige classici come Cabaret.

Dopo essersi accompagnato nella vita privata con bellezze del calibro di Cameron Diaz, Rachel Weisz, e Calista Flockart, nel 2003 porta all’altare Kate Winslet, che gli dà un figlio Alfie.

Il passaggio al cinema è fisiologico, nel 1999 prende la famiglia americana e la passa nel tritacarne emotivo del suo American beauty, con l’accoppiata sterpitosa Kevin Spacey/Annette Benning, il film si accaparra due stauette, miglior film e miglior regia.

nel 2002, Mendes si cimenta nel gangster-movie con Era mio padre, cast stellare, Tom Hanks, Paul Newman, Daniel Craig e Jude Law,  una stupenda fotografia premiata con l’Oscar per un elegante e rarefatto ritratto di uomini.

Con Jarhead (2005) il regista racconta la guerra nella sua quotidianità, biopic militare basata sulla vita di un ex-marine che ha combattuto nella guerra del golfo, tra commedia ed impegno, un Jake gyllenhaall efficace, una regia sobria con qualche trovata visiva azzecata, ma siamo lontani dai fasti degli esordi.

Dal 30 Gennaio 2009 nei cinema italiani Revolutionary Road, ancora la quotidianità e la famiglia americana al microscopio, il regista ancora in odore di Oscar dirige la coppia Kate Winslet e Leonardo DiCaprio ancora insieme dopo il kolossal Titanic.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>