Laura Chiatti: un talento tutto da scoprire

di Pietro Ferraro 12

Un talento ancora non pienamente sfruttato, si è cercato di affibbiargli ripetutamente delle etichette che mal si addicono a questa ragazza dal carisma attoriale intenso, dalla recitazione sempre contenuta e da una spiccata sensualità mai volgare. La sua identità va definendosi di film in film, e in attesa di un ruolo che ne sfrutti appieno il talento non possiamo che attendere speranzosi l’affermarsi di questa giovane attrice.

Vita e sogni musicali:

Laura chiatti nasce a Castiglion del Lago il 15 Luglio 1982, da padre metalmeccanico e madre commerciante di capi d’abbigliamento, la sua prima passione è il canto, che studia dall’età di undici anni, per partecipare a quattordici ad una manifestazione per giovani talenti, in cui invece che vincere come cantante, viene eletta Miss teenager. La ragazza però non rinuncia al suo sogno e pubblica, purtroppo con scarso successo, due album in lingua inglese, è il 1997.

Gli esordi tra tv e cinema:

Dopo il teen-movie Laura non c’è ispirato alla famoso successo del cantante Nek e la poco memorabile commedia Vacanze sulla neve due pellicole che ne segnano gli esordi cinematografici, la vediamo nel televisivo Compagni di scuola e nell’estivo Pazzo d’amore.

Nel 2005 è ne L’amico di famiglia di Paolo Sorrentino, finalmente una prova più impegnativa per la giovane attrice, che però subito dopo torna ad uno stile più commerciale e a misura di teenager con il musicale Passo a due e l’adolescenzial-malinconico Mai più come prima.

Un talento in costante crescita:

Ancora un copione che toglie all’attrice i panni di eterna adolescente per misurarsi con una parte più contenuta e recitata nella biopic Il mattino ha l’oro in bocca, dove la vediamo intensa e materna con il protagonista Elio Germano, poi ancora tv accanto a Claudio Santamaria nella biopic musicale Rino Gaetano-Il cielo è sempre più blu e ancora cinema con Riccardo Scamarcio nel sequel Ho voglia di te.

Dal 27 Febbraio 2009 la vedremo nei cinema in Iago, una rilettura in chiave postmoderna e giovanilistica del classico teatrale Otello, esperimento già tentato con discreto successo dagli americani con il college-movie O come Otello, in questa rilettura italiana accanto all’attrice un altro talento italiano in ascesa Nicolas Vaporidis.

Commenti (12)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>