I love shopping, trailer e intervista alla scrittrice del romanzo Sophie Kinsella

di Diego Odello 7

Uscirà il 27 febbraio al cinema I love shopping, la commedia romantica brillante, che racconta la storia di Becky Bloomwood (Isla Fisher), una bellissima irrefrenabile, giovane, spendacciona compulsiva, che sogna di lavorare per un giornale di moda, ma che invece è costretta a scrivere di finanza per Luke Brandon (Hugh Dancy), l’uomo con cui scatterà la scintilla.

Oggi, dopo il salto, vi proponiamo il trailer del film e l’intervista a Sophie Kinsella (il cui vero nome è Madeleine Wickham), l’autrice della serie I Love Shopping da cui è stata tratta l’opera diretta da P.J. Hogan, con Kristin Scott Thomas, Krysten Ritter, John Goodman, Joan Cusack e gli abiti di Patricia Field.

Qual è stata l’ispirazione per la sua storia?

Ero solita spendere soldi e finire con l’amnesia quando mi arrivava ogni mese il conto della VISA; ed è stato questo ciò che mi ha ispirato per la creazione di questo personaggio. Arrivavo a dire “E questo cos’è? Cosa sto vedendo? Non mi ricordo proprio di essere andata in quel negozio a comprare quella cosa”. È quell’atteggiamento di totale negazione che abbiamo tutti noi. Dicevo a mio marito: “Io non ci sono mai andata in quel negozio, ma di che parlano?” ed era lui a rammentarmi “ricordi che sei stata tu a comprare quello?” per poi io avere quella sensazione di sprofondamento. È stato questo il punto di partenza per Becky, questa ragazza pazza che adora lo shopping. Ne ho visto il lato potenzialmente comico. La maggior parte dell’ispirazione è venuta dal mio modo di pensare sullo shopping, l’emozione e l’entusiasmo.

C’è un poco di lei stessa nell’eroina Becky?

Abbiamo entrambe la stessa ‘logica’ quando andiamo a fare shopping, pensiamo allo stesso modo. È l’idea dell’affare, cui è difficile resistere: ‘Due per uno’, per esempio per gli idratanti. È un qualcosa che faccio sempre. Quando Becky dice ‘l’idratante è un prodotto principale’ sono io che parlo, ne ho bisogno, è essenziale.

Quanto sono resi bene i libri nel film?

Penso che il film è eccezionale e rende lo shopping nella commedia, il tutto in modo molto visivo e penso che Isla fa un lavoro sbalorditivo nel rendere le qualità di Becky.

Come pensa che riesca a portare il personaggio in vita?

Quello che adoro è il fatto che si possa vedere il suo percorso di pensiero nel suo volto quando è colta mentre desidera fortemente un vestito. Lo si può proprio scorgere con esattezza quello che le viene in mente, sei lì con lei. È così spiritosa, accattivante, e dolce. Nei libri non ho mai descritto come appare Becky, è una manovra voluta, in parte perché volevo che tutti potessero accostarsi a lei. Per me la cosa più importante riguardo Becky è ciò che ha dentro. Conosco così bene il suo pensiero e quando scrivo è quasi come se non stessi davanti a lei ma vedo invece il mondo attraverso i suoi occhi. Quindi per il film, è stato come una tabula rasa e per me non riguardava un’attrice avente attributi fisici particolari, ma la persona stessa. Riscontriamo il suo desiderio ardente per lo shopping, la sorprendiamo in situazioni stupide e capiamo perché fa quel che fa. Becky deve essere divertente ed Isla è divertente. Quando ho sentito che era stata scelta Isla, ho pensato ‘sì, fantastico’.

Può parlarci del ‘foulard verde’ del film? Di quanto sia speciale ed importante?

Il foulard verde nel film è speciale perché è così malleabile. C’è una scena in cui si scorge Rebecca attraverso il foulard e adoro questa scena, per il filtraggio della luce. Il foulard che utilizzano è favoloso, è un incredibile indumento con tanto movimento che le fluttua dietro. È un indumento importante perché è il primo motivo che lega Becky e Luke, quindi in termini romantici è importantissimo. La trama fuoriesce direttamente dal libro. Becky vuole i soldi per comprare il foulard e crea scompiglio durante eventi per cercare di acquistarlo e Luke finisce per darle i soldi. Si inventa la storia che lo doveva regalare ad una zia malata ma lui poi la scopre. Per me quella scena quando lui la ‘scova’ è magica, c’è un fremito.

C’erano degli abiti del film di cui si è innamorata?

Li ho adorati tutti, gli abiti erano incredibili e tutti davano ispirazione. Mi sono piaciute molto le cinture. Dopo essere stata sul set del film, ho iniziato ad indossare cinture su tutto.

Cosa ha imparato della moda?

Si comincia a vedere gli abiti sotto un’altra luce quando ci si trova in un set cinematografico, circondati da così tante mise. Ho usato ogni scusa possibile per indugiarmi nella roulette dei costumi, come potrà immaginare. Si vede come siano abili nel ricreare tutto un look dalla testa ai piedi. Che è completamente diverso da come mi comporto io. Apro semplicemente il mio armadio e comincio a tirare fuori la roba in modo disordinato per metterla insieme per farne un completo.

Qual è il suo completo preferito per il film?

Questa è una domanda difficile perché li adori tutti. Adoro il completo corto color porpora di Becky che lei indossa per la sua intervista presso la rivista Alette. È incredibile. Ma la il mio preferito è un vestito di lillà di Lanvin con una balza enorme che lei stringe con una cintura. Lo acquista da Barney’s e lo indossa in televisione insieme ad una collana meravigliosa.

Ha potuto tenersi qualcosa del film?

Sa, ho potuto portarmi via una borsetta campione della scena della svendita nel film. È una pochette rossa ed è stupenda.

Come si sta preparando per la prima del film?

Oh mio Dio, sto facendo Pilates di emergenza. Ho pensato oh no, sto sempre con il sedere seduto a mangiare biscotti tutto il giorno, meglio che inizi a fare qualcosa e prendere le redini della situazione, così per equilibrarmi un po’, mi sono trovata un istruttore personale. Per quanto riguarda la serata mi divertirò semplicemente. Ho in mente di indossare un abito bianco e nero attillato di Alexander McQueen; (per questo ho bisogno del Pilates) ed un’incantevole borsa di Alexander McQueen, con la bandiera del Regno Unito rosa. È davvero eccitante, al contrario di quello che mi è successo finora.

Per concludere che consigli ha per i fanatici dello shopping?

Acquista un piccolo regalo se senti il bisogno di fare shopping. Invece di comprare la borsa della Chanel, prendi il rossetto della Chanel; avrai comunque il marchio che ovviamente adoriamo e l’esperienza, che amiamo ugualmente. Recati ad un negozio gradevole, aggirati e gustalo nel suo insieme; poi dirigiti nel dipartimento trucco e acquista un ombretto piuttosto che tutto l’insieme. Puoi comunque sentirne l’euforia. Non c’è motivo di cercare di punto in bianco di smettere completamente di fare shopping.

Commenti (7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>