Ufficiale e gentiluomo: recensione

di Pietro Ferraro 6

Zack Mayo (Richard Gere)  ha avuto un’infanzia traumatica, la madre suicida ed un padre ex-marinaio totalmente incapace di imbastire qualsivoglia figura paterna intorno alla sua persona, donnaiolo e alcolizzato si trasforma in una sorta di nemesi per il figlio che decide che anche lui farà parte della marina militare e riscatterà la patetica figura del padre.

L’esordio in caserma non è dei migliori, Mayo è abituato ad una vita diciamo di strada, è cresciuto tra gioco d’azzardo, prostitute ed espedienti per sbarcare il lunario e così fa un grosso errore, applica tutte le sue regole per la sopravvivenza durante il duro addestramento che dovrà affrontare e si scontra con il tostissimo sergente Foley (Loui Gossett Jr.), un addestratore che decide che Mayo dovrà abbandonare il corso e si impegnerà a fondo perchè questo accada.

Mayo non rinuncia però al suo sogno, e vuole che la marina diventi la famiglia che non ha mai avuto, così mentre Foley tenta di persuaderlo che quella non è la sua strada, il ragazzo prosegue l’addestramento, si innamora della bella Paula (Debra Winger), e stringe una forte amicizia con il sensibile ed introverso Sid Worley (David Keith), arruolatosi controvoglia per accontentare i suoi genitori e sostituire idealmente il fratello morto.

Purtroppo Sid incontrerà Lynette (Lisa Blount), una ragazza con pochi scrupoli che per sposarlo finge una gravidanza, dopo un momento di comprensibile confusione e smarrimento Sid accetta di sposare Lynette, e nel frattempo lascia il corso d’addestramento, ma quando comunicherà la notizia dell’abbandono a Lynette, lei confesserà l”inganno e rifiuterà di sposarlo perchè non più militare in carriera. Syd si suiciderà in una squallida camera d’albergo e sarà proprio l’amico Mayo a trovarlo.

La morte di Syd causerà uno scontro fisico molto duro e violento tra Mayo e il sergente Foley, che si chiariranno scontrandosi su un ring senza esclusione di colpi. Dopo il chiarimento ed elaborato il lutto per l’amico scomparso, Mayo capirà che non è solo la divisa il suo traguardo di vita ma anche sposare Paula, e così con divisa e charme da ufficiale e gentiluomo porterà via con sè la ragazza da una città, una famiglia ed un lavoro che ne avrevbbero sicuramente affossato personalità. sogni e bellezza.

Il regista Taylor Hackford (L’avvocato del diavolo, Ray) sforna il romance per eccellenza con una strizzatina d’occhio al pubblico maschile, pubblico e critica furono d’accordo all’epoca nel lodare questa perfetta commistione di melò e romanticismo interpretata da un Richard Gere acerbo ma palesemente talentuoso ed una fascinosa e bravissima Debra Winger, senza dimenticare Louis Gossett Jr. caratterista di lusso che si ritaglia un ruolo indimenticabile.

Colonna sonora furbissima, il tema principale e la hit Up we were belong cantata da Joe Cocker e Jennifer Barnes fanno il resto, Ufficiale e gentiluomo è un coinvolgente racconto di riscatto e di amore tra Cenerentola e Full Metal Jacket e con una scena finale da antologia, insomma gli ingredienti per una bella serata davanti alla tv ci sono proprio tutti.

Commenti (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>