Recensione: Un amore a 5 stelle

di Pietro Ferraro 6

Marisa Ventura (Jennifer Lopez), cameriera in un grande e lussuoso albergo di Manhattan, sbarca il lunario tra straordinari e clienti petulanti, sognando una vita migliore per se ed il suo bambino, ma l’amore come spesso accade, piomba inaspettato nella sua indaffaratissima vita a scombinargli progetti e sogni.

Durante il suo soggiorno nell’albergo, un affascinante politico, Christopher Marshall (Ralph Fiennes), rampollo di una ricca famiglia nonchè candidato al senato, scambia la bella Marisa per una ospite dell’albergo e se ne invaghisce.

La ragazza è restia a continuare il gioco, vorrebbe svelare a Christopher la verità, ma il sentimento lentamente si insinua ed i modi garbati e il fascino dell’uomo farranno il resto, e la povera Marisa si ritroverà  innamorata e ormai prigioniera dell’equivoco che le sta facendo vivere un sogno.

Un amore a 5 stelle rappresenta la classica commedia romantica con tutti gli ingredienti per far sognare, e in questo caso accompagnati da una suggestiva e sontuosa location, una New york che infrange cuori e una coppia di attori ben affiatati che si destreggiano in una galleria di personaggi e situazioni ormai straviste.

Ralph fiennes ha il giusto portamento e il sottile fascino del gentleman che la parte richiede, la sua recitazione è contenuta ed efficace, mentre Jennifer Lopez che ci ha abituati a ben poche buone performance, qui si cala bene nei panni di questa romantica cenerentola e ci convince, con una recitazione senza fronzoli, istintiva e pulita che gi si addice. Sicuramente facilitata dall’esile trama e dalle poche sfumature del suo personaggio, ma è il risultato finale quello che conta.

La musica di Alan Silvestri è furba e coinvolgente, miscela sonorità da fiaba a sobrie e suggestive melodie che caratterizzano i due personaggi, qualche canzone galeotta e la pozione d’amore sonora è pronta.

Una marcia in più all’operazione la dà sicuramente il regista di origine cinese Wayne Wang (Il circolo della fortuna e della felicità, La mia adorabile nemica) che forte di un curriculum ricco di premi e pellicole d’autore, approda ad Hollywood cimentandosi con la commedia, dandole un tocco autorale e raffinato che in questa pellicola si avverte non poco.

Riuscito mix di eleganza, sobrietà e buona recitazione, non un capolavoro, ma una spanna sopra altre pellicole dello stesso genere smielate e dai personaggi irrimediabilmente edulcorati, e poi chi si perderebbe l’occasione di vedere la Lopez in un ruolo appropriato?

Commenti (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>