Notte prima degli esami-Oggi, recensione

di Pietro Ferraro 3

Per Luca Molinari (Nicolas Vapororidis) il 2006 è l’anno dell’incombente esame di maturità, ma anche dei tanto attesi Mondiali di calcio, così mentre il conto alla rovescia ne scandisce un quotidiano tra amici e cazzeggio, Luca incontra la bella Azzurra (Carolina Crescentini) aspirante biologa marina che gli farà perdere la testa e renderà i fatidici ultimi giorni prima degli esami indimenticabili.

Gli esami sono vicini e tu sei troppo lontana dalla mia stanza…cantava Antonello Venditti in uno dei brani del memorabile album datato 1984 Cuore e prima che Nicolas Vaporidis saltasse agli ultimi capoversi con Questa Notte è ancora nostra lo vediamo tornare ad esplorare amorazzi giovanili e paturnie scolastiche per il sequel Notte prima degli esami- Oggi, dove il regista Fausto Brizzi con un doppio salto temporale carpiato sposta l’azione negli anni zero trasportando lo studente Luca Molinari dai nostalgici anni’80 ad un futuro che pur ammiccando non poco a Moccia, mantiene una coerenza di fondo racontando certamente giovani da commedia all’italiana, ma evitando di trasformarli in fumettose e irritanti macchiette.

Putroppo come spesso capita sono il maketing e gli incassi a dettar legge e dopo il grande successo del buon primo capitolo infarcito di non poche ingenuità. ma piuttosto godibile ecco l’immancabile operazione botteghino, pensata per far cassa e di contro costruita e poco cercata nei contenuti, una sorta di eco sbiadita in cui situazioni e personaggi si ripetono, dinamiche sin troppo familiari perdono consistenza e protagonisti amoreggiano in attesa di un esame che ormai ha ben poco da raccontare.

Notte prima degli esami oggi non è altro che un instant-remake che fa il verso a se stesso perdendo il minimo di consistenza e fascinazione regalate dall’originale, una di quelle operazione tanto in voga negli States che figliano operazioni totalmente inutili se non viste sotto l’aspetto meramente commerciale e poi parliamoci chiaro in un paese dove il calcio è quasi una religione, inserire i Mondiali nell’operazione all’insegna del ruffiano andante ci è sembrato davvero troppo.

Note di produzione: nel cast anche i comici Giorgio Panariello ed Enzo Salvi e nella colonna sonora brani dei Finley, Luca Carboni, i tormentoni Happy di Alexia e Chelsey Dagger dei Fratellis e un brano inedito dei Gemelli Diversi (Ancora un pò).

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>