Outcast, recensione in anteprima

di Pietro Ferraro Commenta

Mary (Kate Dickie) e suo figlio Fergal (Niall Bruton) sono tra gli ultimi discendenti di una stirpe dotata di potenti poteri mistici e maestri nelle arti divinatorie, la donna all’età di quindici anni concepì  suo figlio attirando su di se una terribile maledizione che la costringe da allora ad una perenne fuga e ad occultare se stessa e suo figlio utilizzando potenti incantesimi di protezione.

Mentre Mary trova un alloggio alla periferia di Edimburgo e Ferlang incontra la bella vicina di casa Petronella (Hanna Stambridge) di cui si innamora con grande disappunto della iperprotettiva madre, Cathal (James Nesbitt) padre di Ferlang ricevuti i segni e il permesso degli anziani, dopo essersi tatuato il corpo con potenti simboli mistici capaci di fargli da guida si mette sulle tracce di Mary e inizia uno scontro a distanza con la donna che li vedrà confrontarsi a più riprese su un piano mistico, lui cercando di individuare la posizione del figlio con l’intenzione di ucciderlo, lei sviandone i sensi e bloccandone i tentativi.

Così mentre Cathal si fa pericolosamente vicino e Mary cerca in ogni modo di dissuadere Petronella a frequentare il figlio, nei dintorni comincia ad aggirarsi nottetempo una creatura mostruosa che inizia a mietere vittime.

Stregoneria e mutaforma alla periferia di Edimburgo per il regista scozzese Colm McCarthy che miscela folklore gaelico, thriller sovrannaturale e un’intrigante location metropolitana alla Candyman per confezionare un intrigante horror che punta su attori di calibro e su corpose dosi di atmosfera, tenendo effetti speciali e mostruosità volutamente ai margini e lasciando che sia l’originale tematica di magia e misticismo trasposti con efficacia in un’ambientazione suburbana a creare la giusta carica ansiogena.

Gli effetti speciali sono ben dosati e di buona fattura, del cast segnaliamo l’efficace prova di un’intensa e oltremodo convincente Kate Dickie nel ruolo di una madre tanto disperata quanto determinata a proteggere ad ogni costo il frutto proibito del suo grembo e il finale che tra Wolfman e La mosca lascia aperta la possibilità ad un eventuale sequel.

Concludendo Outcast pur non svettando per confezione e mantenendo un profilo piuttosto basso nella messinscena, fruisce di una convincente atmosfera che sfrutta a dovere il poco praticato filone della stregoneria in celluloide regalando una buona dose di brividi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>