I bruttissimi: Beverly Hills Cop III

di Pietro Ferraro 2

Oggi per i bruttissimi parleremo del deludente terzo capitolo di una delle serie più divertenti degli anni ’80, comedy, poliziesco ed action in un frizzante mix che all’epoca del primo capitolo sbancò i botteghini e fece diventare Eddie Murphy una vera star.

Ancora oggi il primo capitolo della serie, Un piedipiatti a Beverly Hills, diverte e coinvolge, un film che imbriglia il talento eccessivo e irriverente di Eddie Murphy e lo inserisce in un contesto perfetto con un personaggio a misura, Tony Scott tre anni dopo con il suo cinema patinato e action darà vita d un sequel coi fiocchi, colonna sonora, interpreti perfetti e una storia da guardare tutta d’un fiato, poi il 1994 e la serie ha il suo Rocky V, il capitolo da dimenticare, un edulcorato, giocattolone a meta tra una comedy per famiglie ed una puntata de La signora in giallo.

Non è bastato il talento di un regista come John Landis a risollevare una sceneggiatura palesemente tirata via, Beverly Hills Cop 3 è un’operazione smaccatamente commerciale concepita per ridare lustro ad un Eddie Murphy in declino, e far cassa, ma non si è avuta l’intelligenza di perder tempo sul copione, affidandosi invece  alla verve appannata di Murphy e ad un John Landis svogliato e irriconoscibile.

Un’operazione nostalgia finita malamente con una cornice ridicola, un parco dei divertimenti assolutamente surreale e fuori contesto, una trama da poliziesco che fa rimpiangere le investigazioni dei fumetti di Topolino e la parte action ridotta all’osso, Si pensa ad un quarto capitolo, speriamo bene!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>