Frozen, recensione in anteprima

di Pietro Ferraro 2

Dan (Kevin Zegers) e Joe (Shawn Ashmore) sono due amici d’infanzia che amano sciare e per la loro ennesima incursione sulla neve hanno portato con loro anche Parker (Emma Bell) la fidanzata di Dan a cui spetterà il compito di convincere Jason, uno degli addetti agli impianti di risalita, a farli arrivare sulle piste ad un prezzo conveniente visto che iil terzetto è a corto di soldi.

Jason sembra avere un debole per la bella Parker, ma anche per i cento dollari che quest’ultima gli offre, così intascati i soldi i tre prendono la seggiovia e raggiungono gli impianti in cima alla montagna passando una domenica ad insegnare a Parker a sciare. Al calar del sole i tre si apprestano a tornare a valle, ma Dan visto che l’impianto sta per chiudere in anticipo sul consueto orario prova a convincere Jason a permettergli un’ultima risalita e grazie al bel sorriso di Parker i tre si ritrovano in seggiovia diretti verso le piste.

Purtroppo accadrà l’impensabile perchè a causa di incredibile serie di coincidenze Jason abbandonerà i comandi e il suo sostituto pensando che la seggiovia sia ormai vuota spegnerà l’impianto lasciando i tre amici al buio e sospesi nel vuoto, ma la cosa più agghiacciante e mai termine fu più appropriato e che gli impianti riapriranno di li a sei giorni e i tre ragazzi bloccati avranno ben poche speranze di sopravvivere al gelo.

Dopo il buon sequel Hatchet 2 eccoci pronti a recensire un divertente thriller ad alta quota girato dal talentuoso Adam Green, che si dimostra capace di gestire una storia minimalista con maestria, dimostrando se ce ne fosse bisogno di quanti talenti veri riesca a regalare un genere di nicchia come lo splatter e come in questo caso tre attori in parte, un regista esperto in brividi di genere e un’ambientazione più che azzeccata miscelati con dovizia tengano sulla corda lo spettatore riempiendo a dovere novanta minuti di gradevoli input ansiogeni.

Frozen è una delle sorprese di quest’anno che consigliamo vivamente di non perdere e che permette a Green di cimentarsi con una pellicola meno estrema del solito, ma non  priva di efficaci puntatine nel gore che ricordano con decisione le sue origini fieramente horror.

Nelle sale dal 25 marzo 2011

Note di produzione: l’attrice Emma Bell ha un debole per l’horror sia su grande schermo vedi Final destination 5 e un cameo in Hatchet 2 che in tv con ruoli in Supernatural e The Walking Dead. Nel film appare anche Kane Hodder che per Green nel dittico Hatchet ha interpretato il mostruoso Victor Crowley.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>