Alla scoperta di “Flight”, un film destinato a volare alto

di Cinemaniaco Commenta

Ci sono dei film destinati ad avere successo. Succede quando per farli si riuniscono alcuni tra i migliori uomini in circolazione. Ci sono film che, oltretutto, rappresentano una novità assoluta nonostante l’era post-moderna abbia già prodotto tutto è il contrario di tutto.

La domanda, a questo punto, è: in quale tra queste due categorie possiamo inserire “Flight“. La risposta è: in entrambe.

Coppia da Oscar

Il motivo? Immaginatevi per un attimo una coppia inedita d’assi, e per assi intendiamo due Premi Oscar, pescare nel mazzo delle emozioni per la prima volta: gli assi si chiamano Denzel Washington e Robert Zemeckis. Il tavolo da gioco è insidioso, perché i due si misureranno in un Thriller, dopo aver dimostrato già tutto nella loro carriera.

Il regista e produttore, peraltro, fa ritorno al cinema dopo anni di assenza. La curiosità, spesso, è dettata dal silenzio prolungato. Zemeckis può esserne la prova del nove, visto il suo incredibile talento.

Prodotto da Paramount Pictures, è la storia del Comandante Whitaker, un pilota di linea molto esperto che, successivamente ad un incidente aereo, riesce a fare un atterraggio di fortuna e a salvare quasi tutti i passeggeri del velivolo. Whip verrà considerato alla stregua di un eroe, ma col tempo si verranno a sapere alcune cose che lasceranno adito a dubbi e perplessità.

Tutti si interrogheranno su cosa è successo davvero su quell’aereo.

Naturalmente, il ruolo del comandante “eroe” è affidato a Denzel Washington. A dirigere il Premio Oscar, come detto, è un altro Premio Oscar, un cavallo di ritorno.

Il ritorno di Zemeckis

Per Robert Zemeckis, regista di quelli che hanno anticipato l’avanguardia, la tecnologia e gli effetti speciali e visivi del cinema rappresentano da sempre una sfida.

“Flight” rappresenta il suo ritorno al cinema live-action. Un’occasione nuova per innovare, rituffandosi sul sentiero delle pellicole emotive, che hanno storie avvolte nel mistero.

Zemeckis si è detto catturato dalla complessità dei personaggi, delle sfumature che li colorano, del loro essere ‘normali’ e ‘dannati’. Questo è il motore di “Flight” e tutti aspettano di vedere come lui è stato capace di metterlo in moto, per far si che questo film voli alto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>