Daniel Craig, più che mai Agente 007

di Massimiliano Miano 1

Daniel Craig, brillante negli studi e nello sport, come nel cinema, il cui debutto avviene nel telefilm Le avventure del giovane Indiana Jones, nel ruolo di Schiller e nel film La forza del singolo, al fianco di Morgan Freeman, ritorna nei panni dell’agente segreto James Bond, in 007 Quantum of Solace, il 22° film di spionaggio della serie, diretto dal regista Marc Forster e sequel del film Agente 007 – Casino Royale (2006).

Una carriera in ascesa che, dopo vari film secondari e per la televione, lo porta a varcare il cinema impegnato nel film Elizabeth di Shekhar Kapur, con Cate Blanchett. Successivamente interpreta un omosessuale nel film Love is the Devil e questi ruoli gli permettono di ottenere una certa visibilità.

Nel 2001 lavora a Hollywood nel blockbuster Tomb Raider, con Angelina Jolie e Era mio padre di Sam Mendes. nel 2003 lavora nel discusso The Mother e per L’amore fatale, entrambi del regista Roger Michell. Nel 2004 recita in The Pusher, dove interpreta uno spacciatore che cerca di uscire dal giro. Poi lavora con Gwyneth Paltrow in Sylvia e in The Jacket, fino ad essere scelto da Steven Spielberg per Munich al fianco di Eric Bana.

Alla fine del 2005, la svolta: dopo aver battuto la concorrenza di attori come Clive Owen, Ewan McGregor e Colin Farrell, viene scelto per prendere il posto di Pierce Brosnan ed interpretare James Bond, nel 21° film dedicato all’agente segreto. Craig è il sesto attore ad avere l’onore di interpretare l’agente 007 ed il secondo insieme a Roger Moore ad avere i capelli biondi.

Nonostante questo, che da molti veniva visto come un ostacolo, Craig dimostra di essere uno 007 superbo e Casinò Royale conquista pubblico e critica, piazzandosi subito tra i migliori film di James Bond di sempre.

Nel 2007 ha recitato in due film accanto a Nicole Kidman, Invasion, remake del fanta-thriller L’invasione degli ultracorpi e il fantasy La bussola d’oro.

Il 14 novembre lo rivedremo in azione più che mai in Quantum Of Solace (tradotto letteralmente: “Un quantum di sicurezza”), tratto da una breve storia del libro “Solo per i tuoi occhi” dello scrittore Ian Fleming. Il film narra le vicende di James Bond dopo il tradimento della donna che amava, Vesper Lynd, avvenuto nel precedente film.

Alla sceneggiatura torna il premio Oscar Paul Haggis al suo secondo film di James Bond, affiancato da Neal Purvis e Robert Wade, che ritornano per la quarta volta consecutiva come sceneggiatori dei film di 007, e da Joshua Zetumer per la prima volta sceneggiatore di un film della serie.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>