Cannes 2011, il regista Lars Von Trier dichiarato ‘persona non gradita’

di Pietro Ferraro 1

Che il regista Lars Von Trier fosse un provocatore non è certo una novità, basta dare un’occhiata al contenuto della conferenza stampa del suo Melancholia, dramma fantascientifico con Kirsten Dust e Charlotte Gainsbourg portato in concorso alla sessantaquattresima edizione del Festival di Cannes, in cui il regista parla di un porno come suo prossimo film o delle parti intime della Dunst, ma nessuno pensava che potesse arrivare al punto di essere costretto a fare delle scuse ufficiali ed essere dichiarato dalla direzione della rassegna francese persona non gradita.

Tutto nasce da alcune incomprensibili dichiarazioni del regista che in conferenza stampa ha cominciato a dissertare su Hitler, nazismo ed Israele in:

Credevo di avere origini ebree ed ero contento, poi ho saputo che non era esattamente così ed ho scoperto le mie origini tedesche, sono un pò nazista anche io e sono contento lo stesso…Capisco Hitler, invoco la soluzione finale per i giornalisti…capisco l’uomo che è pò pieno di male, certo sono contrario alla seconda guerra mondiale e non sono contro gli ebrei, ma in realtà non troppo perchè Israele è un problema, come un dito nel culo, fa cagare.

Già ieri gli organizzatori avevano costretto il regista a presentare le sue scuse in pubblico:

Mi sono lasciato trascinare in una provocazione. Presento le mie scuse…Tengo sinceramente a scusarmi. Non sono antisemita, né razzista, né nazista.

La direzione del festival ha così commentato le scuse e l’incresciosa situazione:

Ci si rammarica profondamente che la kermesse sia stata utilizzata da Lars Von Trier per esprimere parole inaccettabili, intollerabili e contrarie agli ideali di umanitò e di generosità che presiedono all’esistenza stessa del Festival. Il Cda condanna molto fermamente tali parole e dichiara Von Trier persona non gradita al Festival di Cannes con effetto imemdiato. Il Festival offre agli artisti del mondo intero una tribuna eccezionale per presentare le proprie opere e difendere le libertà di espressione e di creazione.

Anche l’attrice Kirsten Dust è rimasta piuttosto turbata dall’accaduto e prima di sapere dei provvedimenti presi dalla direzione del festival aveva dichiarato che si trattava di frasi stupide e di una gravità unica di cui il regista avrebbe dovuto dar conto.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>