After the heart al cinema dal 6 giugno: tre nuovi spot

di Cinemaniaco Commenta

Prossimo all’arrivo nelle sale, il nuovo film di M. Night Shyamalan racconta una particolare cronaca: quella di un incidente spaziale.  Protagonisti Will Smith e prole.

Cosa succede se per via di un incidente un papà e un figlio sono costretti a tornare sulla Terra mille anni dopo che l’umanità è stata costretta ad abbandonarla per via di una serie di catastrofi naturali? Chiedetelo al giovanissimo Kitai Raige e al suo ‘navigato’ papà, Cypher.

Kitai, interpretato da Jaden Smith, e Cypher, intepretato da suo padre Will, sono ‘caduti’ sulla Terra mille anni dopo che cataclismi hanno costretto l’intera popolazione ad andarsene. Una famiglia reale è stata dunque scelta per interpretare un film dai toni altisonanti e fantascientifici, basato sull’amore tra un genitore e un figlio ma anche su una realtà inventata e ben congegnata.

Il problema sorge nel momento in cui papà Will (Cypher) è gravemente ferito. Per questa ragione a Kitai spetta l’onere di dover incamminarsi da solo per un viaggio lungo e pieno zeppo di incredibili ostacoli. Lo fa per chiedere soccorso, calandosi nelle intemperie più difficili da superare, affrontando territori mai visti da nessuno prima di allora.

Se dobbiamo sopravvivere bisogna combattere

Kitai avrà a che fare con nuove specie animali che ora governano il pianeta. Ma, come spesso succede, dovrà ancora arrivare il ‘mostro finale’. Quello che rende difficile il completamento di un videogioco, tanto per intenderci. Si tratta di un’incontenibile creatura aliena sfuggita durante la collisione.

Ogni cosa si è evoluta per uccidere

Kitai e Cypher, per superare ogni avversità, impareranno a collaborare e instaureranno un rapporto di fiducia reciproca. Il ritorno a casa è il loro obiettivo, alquanto difficile da perseguire.

Sai dove ci troviamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>