Torino Film Festival 2009, terzo giorno

di Redazione Commenta

Proseguiamo il nostro escursus nel cinema d’autore attraverso il programma del Torino Film Festival giunto alla terza giornata.

Prima di dare una scorsa al programma vi ricordiamo velocemente le sezioni di cui si compone la rassegna:

27 TORINO: la sezione principale, 16 le pellicole in concorso.

FESTA MOBILE: attese anteprime, pluripremiate pellicole per una vetrina che omaggia il grande cinema internazionale.

RAPPORTO CONFIDENZIALE: sezione monografica dedicata al regista danese Nicolas Winding Refn con 8 pellicole che comprendono la trilogia Pusher.

ONDE: sperimentazione e filmaking estremo, una lettura alternativa del cinema contemporaneo.

ITALIANA DOC: concorso per documentari italiani inediti.

ITALIANA CORTI: concorso per cortometraggi italiani inediti.

FIGLI E AMANTI: sei pellicole che hanno ispirato altrettanti cineasti italiani che presenzieranno alle proiezioni per presentare il loro film di una vita.

SPAZIO TORINO: concorso riservato a cortometraggi realizzati da cineasti piemontesi.

NAGISA OSHIMA/NICHOLAS RAY:  omaggio a due cineasti rappresentanti ideali del cinema d’autore indipendente.

CINEMA E CINEMI: sezione speciale in cui passato e presente si attraversano per raccontare iniziative speciali e frammenti di cinema altro.

E adesso diamo un’occhiata ai film in cartellone, tra i film in concorso proiettati in giornata per la competizione internazionale segnaliamo Get Low di Aaron Schneider, un’eremita si confessa in occasione del suo funerale e Torso del giapponese Yamazaki Yutaka, una donna solitaria vive con un busto maschile gonfiabile che tratta come un vero e proprio fidanzato, l’arrivo della sorella nel suo tran tran quotidiano scombinerà gli equilibri.

Per la sezione Italiana doc, tra le proiezioni Giallo a Milano di Sergio Basso, il quotidiano di venti cinesi immigrati in quel di Milano e la Striscia di Gaza raccontata in Piombo Fuso di Stefano Savona.

Concludiamo con la sezione speciale Onde e gli undici cortometraggi per raccontare il cinema del belga Nicolas Provost.

SITO UFFICIALE TFF 2009

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>