Sabrina, recensione

di Pietro Ferraro 6

 Sabrina Fairchild ( Audrey Hepburn) è perdutamente innamorata dell’irraggiungibile David Larrabee (William Holden), irraggiungibile perchè il suo principe azzurro è un ricchissimo playboy, mentre lei è solo la figlia dell’autista, così la ragazza passa le sue serate spiando le feste organizzate nella villa e sognando romantici balli con il suo David.

La situazione precipita quando Sabrina in preda alla disperazione tenta il sucidio, Sarà Linus (Humphrey Bogart), il fratello di David a salvarla. Sabrina sara così costretta a lasciare la villa e a partire alla volta di Parigi dove il padre la manda sperando dimentichi David.

Sabrina però, nonostante il fascino della città, non dimenticherà affatto il suo amore, e dopo essersi trasformata da anatroccolo in splendido cigno, farà ritorno a villa Larrabee e qui prima David, poi in un secondo momento Linus, scopriranno di essere perdutamente iunnamorati della bella Sabrina e cercheranno entrambi di conquistarla.

Sabrina è uno degli episodi più glamour e meno graffianti della filmografia di Billy Wilder, nonostante questo, il regista riesce ad imprimere notevole classe ad un romance che anche grazie a tre interpreti dotati di un notevole carisma, ci fa dimenticare alcune evidenti lacune come l’uso disinvolto di clichè zuccherosi e furbi che hanno fatto la fortuna del genere.

Questo comunque non inficia la messinscena e la bravura della Hepburn che cimentandosi nel ruolo di una novella cenerentola incanta come è nel suo stile e dimostra cosa sia il fascino e il carisma di una vera star. Un pò meno in parte i due spasimanti del caso, Bogart e Holden, grandi professionisti, ma in questo caso in leggero ritardo rispetto al brio della messinscena.

Sabrina rimane comunque un cult del genere romance e un prototipo della commedia sofisticata degli anni ’50, nel 2002 infatti la National Film Registry l’ha selezionata come pellicola da preservare nella Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti e ricordiamo anche il discreto remake del 1995 diretto da Sydney Pollack e interpretato da un’incantevole Julia Ormond ed un sempre fascinoso Harrison Ford.

Commenti (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>