Sabrina: recensione

di Redazione 10

Sabrina (Julia Ormond) è una timida e graziosa ragazza innamorata dell’uomo sbagliato, l’uomo in questione è lo scapolo d’oro e impenitente donnaiolo David (Greg Kinnear), rampollo di una ricca famiglia per la quale il padre di Julia presta servizio, ma Sabrina non sembra proprio intenzionata a rinunciare al suo irraggiungibile sogno romantico e così il padre preoccupato la spedisce a studiare a Parigi sperando così di farle dimenticare David.

La nostra cenerentola a Parigi subirà un straordinaria metamorfosi che la trasformerà da timida e impacciata ragazza a fascinosa farfalla, così al momento di tornare a casa Julia finalmente riesce ad attirare l’attenzione di David che così rischia di mandare a monte un matrimonio combinato che significa soldi e potere.

Ci penserà il protettivo e saggio fratello maggiore di David, Linus (Harrison Ford), che prende in mano la situazione e si frappone fra i due cercando di far rinsavire David e spiegando a Sabrina l’importanza dell’imminente  matrimonio del fratello, ma Linus subisce il fascino di Sabrina non meno del fratello e finisce per innamorarsene perdutamente.

Certo che i precedenti con cui si confronta il regista Sidney Pollack sono notevoli, parliamo sia del musical che del film di Billy Wilder datato 1954 con Humphrey Bogart e Audrey Hepburn, e diciamo che alla fine ne vien fuori una remake dignitoso e raffinato, un romance con un delizioso stile retrò.

Una cenerentola moderna e molto raffinata è il personaggio interpretato dalla bella e brava Julia Ormond, l’anno di Sabrina sarà per lei il culmine della sua carriera. Nel suo difficile compito viene ben coadiuvata da un cast fatto di veterani come Harrison Ford e talentuose promesse come Greg Kinnear, grazie a loro ed al regista Sidney Pollack, la Ormond esce indenne dal pericoloso confronto con Audrey Hepburn grande diva e vera e propria icona glamour.

Sabrina pur non toccando la classe e l’ironia del prototipo riesce comunque ad affascinare grazie ad una raffinata messinscena, un cast partecipe e l’esperienza di un regista che mai tenta di confrontarsi con l’originale, ma ce ne regala una versione moderna ed aggiornata che ha tutta l’aria del sentito omaggio.

Commenti (10)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>