I bruttissimi: Glitter

di Pietro Ferraro 3

Eccoci di fronte ad uno dei peggiori romance/musical mai girati, Glitter. La protagonista, la cantante Mariah Carey, con una discreta sequela di successi discografici alle spalle, commette l’errore che molte sue colleghe hanno fatto e continueranno a fare, pensare che essere delle buone interpreti di canzoni e delle dive del pop significa automaticamente essere delle buone attrici, alla faccia di studio, gavetta, recitazione e mostri sacri come Meryl Streep.

Il film invece che sfruttare l’immagine della popstar e contornarla di attori veri, una sceneggiatura solida, qualche ammiccamento ai classici romance di sempre ed affidare il tutto ad un regista di nome che possa confezionare la pellicola in modo da renderla perlomeno digeribile, la Carey ed i produttori che fanno? in un uno slancio di irrefrenabile megalomania appoggiano tutta la pellicola sulla neo-attrice, e lei accetta mettendosi al centro di tutto pensando di poter recitare da protagonista di punto in bianco, senza alcun supporto, a parte uno spaesato Terrence Howard (Four brothers, Iron Man) che sicuramente ad oggi ha rimosso quell’esperienza dalla sua mente e dal suo curriculum.

Billie Frank è una giovane cacciata di casa dalla madre alcolizzata. Con due amiche conosciute in orfanotrofio forma un gruppo. Notate da un produttore il trio si esibisce in alcuni locali ed incide un disco, nel frattempo Billie si innamora di un Dj… fermiamoci qua, perchè la sequela di banalità e stereotipi di cui è infarcito questo film rasenta l’overdose.

Ed ora qualche numero, oltre ad essersi guadagnato meritatamente un posto nella classifica IMDB dei peggiori 100 film di sempre, il film pur essendo del 2001 ad oggi contnua ad occupare l’ottantasettesimo posto con 12,256 voti per una media del 2.0, Glitter si è inoltre guadagnato un Razzie award speciale nel 2005 come peggior musical degli ultimi 25 anni, un bruttissimo da guinness!

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>