Cadillac Records: in America esce il film sulla mitica casa discografica che lanciò Chuck Berry

di Redazione 3

Le Biopic musicali, le biografie di grandi artisti, sono e rimangono solidi investimenti per le Majors che affrontano con disinvoltura, da anni, mostri sacri della musica, sfornando pellicole di alta qualità e molte volte in odore di Oscar. Poi c’è il musical, genere ormai lanciatissimo e da qualche anno in auge, basti pensare a successi come il barocco Moulin rouge o il nostalgico Dreamgirls, ed è da questi due generi che vogliamo attingere per descrivere questo nuovo ed ambizioso progetto della regista Darnell Martin, conosciuta più che altro per le regie di famosi serial tv (E.R., L world, Grey’s anatomy)

Cadillac Records narra l’ascesa e la caduta di una delle leggendarie etichette discografiche, la Chess Records, che negli anni ’50, lanciarono grandi nomi, come Chuck Berry e Etta James, tra soul e R&B, la pellicola miscela abilmente il musical stile Dreamgirls e la più classica biopic, aggiungendoci l’affresco di un epoca quella degli anni ’50, epoca turbolenta e artisticamente feconda, e il racconto corale, che permette ad un cast variegato di caratterizzare personaggi che hanno fatto la storia della musica americana.

Un grande cast tra cui spicca Beyonce’ knowles (Dreamgirls) che interpreta la volitiva Etta James, per l’occasione la diva è ingrassata di quasi dieci chili, mantenendo comunque intatto il suo sex-appeal, la affiancano Mos def (Be kind rewind) nei panni di Chuck berry e Adrien Brody (il treno per Darjeeling) che interpreta Donald Chess il boss della casa discografica. Quattro brani della cantante Beyonce’ faranno parte di una colonna sonora a dir poco strepitosa che attraverserà dieci anni di hit storiche, Insomma i presupposti per un grande film ci sono tutti, attendiamo ottimisti l’uscita italiana.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>