Gotti: In the Shadow of My Father, bloccata la produzione?

di Pietro Ferraro Commenta

Collider riporta una notizia via Showbiz411, non confermata ufficialmente dai produttori, che il travagliato biopic-crime Gotti: In The Shadow of My Father, che ha iniziato la pre-produzione a New York il mese scorso, è stato bloccato per mancanza di fondi.  Il film vede protagonisti John Travolta, Kelly Preston, Ben Foster, Al Pacino e Lindsay Lohan.
Nell’aprile del  2010 l’ex-boss John Gotti Jr. (nella foto in compagnia della sorella Victoria Gotti, del produttore Marc Fiore e degli attori John Travolta e Lindsay Lohan), aveva annunciato l’intenzione di produrre un biopic sulla sua famigerata famiglia malavitosa. Il film si sarebbe incentrato sul complesso rapporto tra Gotti e suo padre John Gotti Sr., boss della famiglia criminale dei Gambino. Originariamente intitolato Gotti: Three Generations il progetto ha ottenuto enorme visibilità quando John Travolta ha firmato per interpretare Gotti padre, offrendo a Lindsay Lohan la possibilità di interpretare la figlia del boss.

Nonostante il produttore esecutivo Marc Fiore. rappresentante di Gotti Jr. avesse creato qualche perplessità per una casa di produzione spuntata dal nulla e sembra un passato non proprio lindo, oltre alle comprensibili proteste delle famiglie delle numerose vittime dei Gotti, il proegtto è comunque andato avanti, non senza ulteriori problemi come la causa intentata dall’attore Joe Pesci contro i produttori del film per un ruolo che gli avrebbe richiesto un notevole aumnto di peso, ruolo che poi l’attore ha scoperto essere tra quelli sacrificabili in sala montaggio.

Nel frattempo al cast si sono uniti Al Pacino e Chazz Palminteri, mentre al posto del regista Nick Cassavetes, che ha abbandonato il progetto ad inizio 2011 è subentrato Barry Levinson che sembra a questo punto, se la notizia del congelamento del progetto venissse confermata, non potrà di certo rispettare la data di inizio riprese, pianificata per un primo ciak in quel di New York il prossimo gennaio.

(Photo Credits | Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>