Gianni e le donne, recensione in anteprima

di Pietro Ferraro 2

Gianni (Gianni Di Gregorio) è un pensionato romano come tanti, uno di quelli di ultima generazione con un’età importante, ma ben portata, una passione per gli animali e una pazienza infinita che ogni giorno viene messa alla prova da una moglie iperattiva coinvolta in mille impegni lavorativi, una figlia che sta per diplomarsi e che si accompagna con uno scansafatiche professionista e da una madre che ha tagliato il traguardo dei novant’anni e vive in un passato fatto di titoli nobiliari, mani bucate e servitù a iosa.

La vita di Gianni, nevrosi famigliari a prescindere, segue comunque un suo immutato tran tran quotidiano, tra passeggiate con cane al seguito, qualche commissione da sbrigare e due chiacchiere con gli amici e sarà proprio chiacchierando con uno dei suoi amici che Gianni scoprirà un mondo parallelo di tranquilli pensionati con una sorprendente e inaspettata vita sessuale che prevede amanti e ritrovati amor perduti.

Così cercando di combattere una strisciante depressione che sembra si stia impadronendo della sua vita, Gianni cercherà di forzare la sua natura mite e riservata per crearsi una relazione che vada oltre la distante e scostante moglie e così comincerà a guardarsi intorno tra sensuali vicine di casa, badanti, un primo amore mai dimenticato ed uno tanto desiderato, idealizzato e mai realizzato.

Dopo l’exploit di quel piccolo oggetto prezioso che è stato Pranzo di Ferragosto, torna l’attore, regista e sceneggiatore Gianni di Gregorio con la sua seconda prova dietro la macchina da presa e conferma la sua innata capacità di raccontare un quotidiano fatto di piccoli gesti trasformandolo in un coinvolgente ed emotivamente vitale microcosmo ricco di un’umanità tutta da esplorare e da vivere, ma soprattutto capace di miscelare la magia del cinema alla realtà di tutti i giorni.

Se Pranzo di Ferragosto resta un irraggiungibile e sorprendente debutto, in Gianni e le donne la notevole capacità di raccontare un mondo vissuto e rielaborato attraverso una sottile e malinconica ironia pregna di un’amarezza tipica di tanto cinema neorealista resta pressochè immutata, anche se stavolta non tutti i personaggi riescono a spiccare, a causa di un protagonista denso di sfumature e molto ben caratterizzato dallo stesso Di Gregorio che in più di un’occasione ruba, più o meno consapevolmente, la scena al resto del cast.

Note di produzione: Gianni di Gregorio è tra gli sceneggiatori di Gomorra, nel cast del film ritroviamo Valeria de Fancisiscis già vista in Pranzo di Ferragosto, il film è stato selezionato per partecipare fuori concorso alla sessantunesima edizione del Festival di Berlino.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>