Recensione: Pranzo di ferragosto

di Massimiliano Miano 10

Il film rivelazione della Sessantacinquesima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, si chiama Pranzo di ferragosto, scritto, diretto e interpretato da Gianni Di Gregorio, vincitore del premio ISVEMA, attribuitogli dalla giuria del sindacato nazionale critici cinematografici italiani.

Collaboratore di Matteo Garrone, produttore del film, aiuto regista in Estate romana e L’imbalsamatore, Di Gregorio che è altresì il protagonista del film, parte da un fatto vero per creare una pellicola non vera ma verosimile.

Gianni, un uomo di mezz’età, figlio unico di una nobildonna decaduta e vedova, vive con sua madre in una vecchia casa nel centro di Roma. Tiranneggiato da lei, trascina le sue giornate fra le faccende domestiche e l’osteria. Il giorno prima di Ferragosto l’amministratore del condominio gli propone di tenere in casa la propria mamma per i due giorni di vacanza. In cambio gli scalerà i debiti accumulati in anni sulle spese condominiali. Gianni è costretto ad accettare.

A tradimento, l’amministratore si presenta con due signore, portando con se anche la zia che non sa dove collocare. Gianni, travolto e annichilito dallo scontro fra i tre potenti caratteri, si adopera eroicamente per farle contente. Accusa un malore e chiama un amico medico che lo tranquillizza ma, implacabile, gli lascia la sua vecchia madre perché è di turno in ospedale. Gianni passa ventiquattr’ore d’inferno. Quando arriva il sospirato momento del congedo però le signore cambieranno le carte in tavola.

Di Gregorio riesce a parlarci di un luogo spesso inesplorato, come la terza età. Pregi e difetti sono quelli che chi ha vissuto con un anziano conosce già: una sincerità quasi disarmante, una sorta di concentrazione su se stessi che li porta a parlare di un loro mondo fatto di ricordi, ammettendo una certa difficoltà nell’abbandonare le proprie abitudini.

Girato fra Trastevere e Viale Glorioso in Roma, Pranzo di ferragosto è un minuscolo gioiello di comicità, un revival a tinte forti che celebra la grande commedia all’italiana; un piccolo grande film di 75 minuti, senza attori famosi, con un unico obiettivo,: far ridere. Interpretato da quattro splendide e talentuose signore dalle eccentriche personalità, per la prima volta davanti ad una macchina da presa, il film convince, entusiasma e rende la 23ma Settimana Internazionale della Critica, protagonista della rassegna cinematografica.

A concludere, una riflessione: Pa-ra-da, Le ragioni dell’aragosta, La ragazza del lago di Molaioli e la new entry Pranzo di ferragosto, sono tutte pellicole presentate negli ultimi due anni alla mostra del Lido, nella sessione fuori concorso. Pellicole che hanno finito per oscurare, a livello di incassi, e/o di gradimento critico, le opere prime in concorso. Meditate gente, meditate.

Commenti (10)

  1. Sicuramente quelli che dovrebbero meditare non stanno meditando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>