Festival di Cannes 16 Maggio: Woodstock secondo Ang Lee, Jerry Lewis e il nuovo film di Monica Bellucci

di Pietro Ferraro Commenta

Prima di dare una scorsa al programma odierno un piccolo sunto della giornata di ieri, purtroppo per il coreano Thirst un pò di perplessità, sembra che il regista Park Chan-Wook dopo la splendida trilogia della vendetta, tra cui il capitolo Old Boy premiato dalla giuria di Cannes nel 2004, non abbia convinto, molti i pareri negativi per questo vampire-movie a tinte melò, alla premiere ha presenziato anche il regista Quentin Tarantino a Cannes con il suo Bastardi senza gloria.

Applausi invece per la struggente storia d’amore raccontata da Jane Campion nel suo Bright Star, convincente il ritratto in costume e la poesia raccontati attraverso un percorso amoroso breve ma decisamente intenso e carico di suggestioni letterarie.

tra le star presenti ieri sulla croisette anche Lenny kravitz e Mariah Carey, le due star musicali nell’inconsueta veste di attori accompagnavano regista e protagonista del delizioso Precious.

A sorpresa ieri a Cannes è sbarcato anche l’attore Jerry Lewis, dopo gravi problemi di salute ed un Oscar per meriti umanitari, l’attore annuncerà il suo ritorno al cinema con un intenso ruolo drammmtico nel film Max Rose.

Ed ora vediamo i primi film di questo week end, due le pellicole in concorso proiettate quest’oggi, il film francese Un Prophéte, prison-movie d’autore, ci racconta le vicissitudini di Malik un giovane analfabeta condannato a sei anni di carcere che si rtiroverà nel bel mezzo di una guerra ta detenuti costretto a scegliere tra due clan rivali.

Il secondo film in concorso è la commedia musicale di Ang Lee Taking Woodstock, la vera storia di Elliot Tiber, uno degli organizatori del leggendario concerto di Woodstock, il film è tratto dal romanzo Taking Woodstock: a true story of a riot,a concert and a life scritto dallo stesso Tiber.

Da segnalare fuori concorso la proiezione del film Non ti voltare accompagnata dalla presenza della protagonista, l’attrice Monica Bellucci,  che nella film interpreta  una scrittrice che non riesce a spiegare alcuni misteriosi cambiamenti che avvengono nel suo corpo e partirà alla volte dell’Italia alla ricerca di una misteriosa donna che potrebbe dargli delle risposte.

Per le proiezioni speciali il conflitto etnico e religioso viene affrontato nel quotidiano lavorativo di un garage dal regista Keren Yedania nella pellicola tedesca Jaffa, mentre per la sezione A Certain Regard due le pellicole proiettate, il coreano Mother, una madre cerca di scagionare l’introverso figlio da un’accusa di omicidio e Samson and Delilah dell’australiano Warwick Thornton, una tragedia incrina l’equilbrio di una coppia che vive in una piccola e isolata comunità australiana.

In ultimo segnaliamo l’arrivo a Cannes del regista Martin Scorsese che patrocinerà l’evento Cannes Classics, e di alcune star in visita, come l’attore Ryan Phillippe che con una misteriosa accompagnatrice ha assistito alla prima di Bright  Star in ottima compagnia vista anche la presenza di un’accoppiata d’attori doc come Giovanni Ribisi e Kevin Pollak e di una splendida Eva Longoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>