Aspettando Cannes, ecco la giuria del Festival

di Cinemaniaco Commenta

La crème della crème sullo schermo e dietro la cattedra. La croisette ospiterà il sedici maggio una giuria di lusso, chiamata a giudicare i film in concorso a Cannes. A cominciare da un Presidente che è entrato ormai da molti anni nella leggenda della settima arte. Guidati da Steven Spielberg i giurati saranno: Nicole Kidman, Lynne Ramsay, Vidya Balan, Naomi Kawakase, Christolph Waltz, Ang Lee e Christian Mungiu.

Sarà dunque Steven Spielberg a presidere la giuria della sessantaseiesima edizione del Festival di Cannes. Accanto al regista e produttore americano, si accomoderanno quattro uomini e quattro donne, ognuno pluridecorato.
Partiamo da Nicole Kidman, che nel 2003 ha vinto un Oscar come migliore attrice grazie al film “The hours”. La Kidman si fece notare anche a Cannes due anni prima, presentando il famosissimo “Moulin Rouge” nel 2001.

Gradito il ritorno a Cannes della regista inglese Lynne Ramsay, nella croisette per la terza volta dopo aver presentato qui il suo primo cortometraggio Ratcatcher nel 1999, e successivamente “ E Ora Parliamo di Kevin” nel 2011.  Dall’industria cinematografica indiana di Bollywood troviamo invece l’attrice Vidya Balan, la cui presenza non è casuale bensì serve anche a giustificare la celebrazione del centesimo anniversario del cinema indiano.

Spostiamoci dall’altra parte del mondo. Arriva dal Giappone la regista Naomi Kawakase. Sono già molti i premi da lei vinti a Cannes. Tra questi figura il Premio Speciale della giuria conquistato nel 2007 con “Mogari No mori”.

Un altro gradito ritorno è quello del padrone di casa Daniel Auteuil, attore protagonista del film “L’Ottavo Giorno”, che gli valse il prestigioso ed omonimo premio a Cannes nel 1996. Quest’anno siede in giuria.

Dal set di “Django unchained” il sempre ottimo Christolph Waltz, fresco di Oscar come migliore attore non protagonista in “Bastardi senza Gloria” e nell’ultima fatica di Quentin Tarantino. Durante la notte magica del Dolby Theatre a Los Angels, quest’anno, la statuetta al miglior regista è stata appannaggio di Ang Lee con e per “Vita di Pi”. Troviamo il direttore d’orchestra della pellicola, in veste di giurato, anche a Cannes.

Dulcis in fundo, Christian Mungiu, regista rumeno che vinse nel 2007 la Palma d’Oro con “4 mesi, 3 settimane, 2 giorni” e che lo scorso anno si aggiudicò in loco il premio per la miglior sceneggiatura con “Oltre le colline”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>