Christian Molina: diario di un cineasta

di Pietro Ferraro 1

 Christian Molina, cineasta nativo di Barcellona (Spagna), studia cinematografia nelle due migliori scuole iberiche l’ESCAC di barcellona e L’ECAM di Madrid.

Decine le pellicole a cui partecipa in veste di operatore di ripresa, tra queste lo vediamo anche recitare nel film drammatico del 1998 Spanish fly e collaborare in veste di assistente operatore nel thriller-horror Memorias del angelo caldo e nella comedy-action Airbag.

L’esperienza maturata come operatore gli fornirà una vasta conoscenza del mezzo tecnico e gli permetterà di collaborare a stretto contatto con importanti direttori della fotografia come Jose Luis Alcaline e Fernando Arribas.

Forte dell’esperienza accumulata negli anni sui set, nel 2004 Molina esordisce con il lungometraggio horror Rojo sangre, riuscito e sorprendente omaggio agli horror ispanici degli anni ’70. Tra il  2006 e il 2007 collabora in veste di produttore esecutivo alla realizzazione dei film El triunfo e Boystown (Chuecatown).

Dal 30 Aprile 2009 nei cinema italiani approda l’ultima opera di Molina, Diario di una ninfomane, pellicola tratta dall’omonimo best seller della scrittice francese Valérie Tasso, Il film racconta le trasgressive peripezie sessuali di una ragazza francese che scoprirà l’amore ed il mondo della prostituzione. Nel cast Geraldine Chaplin ed Angela Molina.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>