Big Daddy-Un papà speciale

di Redazione 4

Sonny Koufax (Adam Sandler) ha proprio deciso di non crescere, ama troppo la sua vita in bilico tra adolescenza e una maturità tenuta consapevolmente a distanza con il suo carico di ansie, nevrosi e responsabilità, ma questa sua visione della vita e questa sua perenne indecisione vanno strette alla sua ragazza, la bella Vanessa, stanca della poca sicurezza che Sonny gli offre e in cerca di qualcuno con obiettivi e piena consapevolezza della vita.

Sonny ha un coinquilino che è allo stesso tempo il suo miglior amico e inconsapevole nemesi, vecchio compagno di bisboccia al college, lui è diventato quello che Sonny ha sempre temuto, un adulto consapevole, infatti Kenny ha successo nel lavoro e sta per sposarsi, la sua ragazza Corinne vive in perenne conflitto con Sonny che non manca occasione di rinfacciargli i suoi trascorsi da procace cameriera di Hooters.

Vista l’indecisione di Sonny nel voler crescere, ci pensa il destino a mettere sulla sua strada un piccolo e adorabile marmocchio di nome Julian, che piomberà come un devastante meteorite nella sua vita, prima scombinandogliela, e poi man mano diventandone parte. Sonny diventerà da strambo fratello maggiore a protettivo papà e Julian potrà avere qualcuno su cui contare nel momento del bisogno.

Big daddy-Un papà speciale è una gradevole commedia che utilizza l’istrionismo di Adam Sandler, qui molto ridimensionato quasi a misura di family-movie, per raccontarci di un adulto/bambino costretto suo malgrado a crescere, e di un bambino che diventerà lo specchio del suo disagio e della sua paura del futuro, ma anche la chiave di volta della sua vita.

Il regista Dennis Dugan che con Sandler girerà il discreto Io vi dichiaro marito e.. marito e il folle Zohan-Tutte le donne vengono al pettine, conosce bene i limiti di un’operazione del genere, e quando lo script mostra la corda si lancia in equilibrismi un pò stucchevoli, ma che Sandler trasforma in spassose gag, che alla fine dei conti elevano questo film al di sopra della media di analoghe operazioni, vedi il mediocre Faccia a Faccia con Bruce Willis.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>