Pane, amore e gelosia: recensione

di Pietro Ferraro 3

ScreenHunter_18 Jun. 12 08.00 (500 x 701)

Ritroviamo i protagonisti del primo film all’indomani delle loro dichiarazioni d’amore, il maresciallo Carotenuto (Vittorio De Sica) scoperto che la levatrice Nannarella (Marisa Merlini) non solo ha un figlio, ma è stata abbandonata dall’uomo che l’ha sedotta, decide ugualmente di impegnarsi con lei, mentre il carabiniere Stellutti (Robert Risso) è riuscito finalmente a confessare il suo amore alla bella Bersagliera (Gina Lollobrigida che tra parentesi non aspettava altro.

Confessati i propri sentimenti le due coppie ora dovranno fare i conti con alcune complicazioni che rischieranno di minare l’immane fatica fatta, infatti Stellutti dovendo terminare il suo servizio in un altro paese, prima di partire affida la sua fidanzata a Carotenuto, che per tenerla d’occhio la assumerà come governante in casa propria dando il via ad una serie di chiacchiere che il piccolo paese contribuirà a far arrivare sia a Stellutti che a Nannarella, fomentando in loro gelosia e sospetti.

Ci vorrà un semplice ed ingenuo ballo tra la Bersagliera e Carotenuto affinchè  le coppie scoppino, Nannarella si lancerà in una scenata di gelosia e Stellutti romperà il fidanzamento. nel frattempo Carotenuto cercando di riparare all’equivoco intende sposare Nannarella e dare le dimissioni dall’Arma così da regolarizzare la loro situazione, ma il ritorno del seduttore latitante che vuole riparare al torto fatto in passato sposando Nannarella e riconoscendo suo figlio complicherà ancor più la situazione, intanto la Bersagliera pensa di abbandonare il paese…

Il regista Luigi Comencini torna ad un anno da Pane, amore e fantasia dietro la macchina da presa per questo secondo capitolo che aggiunge qualche ulteriore complicazione amorosa alla sceneggiatura, e si permette un lieto fine dai risvolti agrodolci.

Anche il cast fa il bis, Sempre impeccabile De Sica e splendida Gina Lollobrigida, tornano anche Gigi Reder (Ricuccio) il futuro ragionier Filini della saga Fantozzi e Tina Pica nel ruolo della governante Caramella, ricordiamo questa memorabile attrice e caratterista napoletana insieme a Totò in Destinazione Piovarolo e con Alberto Sordi e Vittorio De Sica ne Il conte Max.

Pane, amore e gelosia è il secondo capitolo di una fortunata serie che vedrà ancora due episodi più un quinto messo in cantiere, ma mai realizzato. Alla sua uscita nel 1954 il film sbancò nuovamente i botteghini secondo negli incassi solo all’Ulisse di Roberto Camerini, peplum mitologico con Kirk Douglas.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>