Wolverine: le origini del mito

di Pietro Ferraro 4

Wolverine/Logan è uno dei personaggi più amati del mondo dei supereroi mutanti creati dalla Marvel, da bambino scopre di possedere il Gene X che gli permette un’incredibile rigenerazione a livello di tessuti, Wolverine oltre ad essere immune a qualsiasi malattia, e all’invecchiamento, ha sensi ipersviluppati e si avvale di tre affilatissimi artigli che fuoriuscendo dal dorso delle sue mani rappresentano una micidiale arma d’offesa. Questi artigli, in principio ossei, diverranno in seguito ad un esperimento militare di Adamantio, un materiale praticamente indistruttibile,

Wolverine è un ex-soldato senza memoria e perennemente in conflitto con la sua natura animale, è uno dei supereroi più umani e sofferenti della Marvel, le sue avventure editoriali lo vedono esordire nel 1974 in un albo del nerboruto supercollega L’incredibile Hulk, con cui condivide l’istinto bestiale e la forza sovrumana. L’anno dopo si unira agli X-Men, risollevandone le sorti editoriali nell’albo n. 1 Giant Sized X-Men.

Creato da Len Wein e disegnato da Herb Trimpe e John Romita Sr. Wolverine diverrà ben presto pronto ad una evoluzione e si arricchirà di una sua mitologia passando tra le mani di moltissimi artisti del fumetto che ne rileggeranno sia il look che le vicissitudini, dandone nuove versioni ed eplorandone le nebulose origini, tra questi artisti John Romita Jr, Frank Miller , Barry Windsor-Smith ed il nostro Claudio Castellini.

Le serie di albi che lo vedono protagonista sono molteplici, oltre all’inossidabile serie originale che prosegue tutt’oggi con grande successo, ci sono le cosiddette versioni alternative, come la serie Ultimate che vede un Wolverine più combattuto del solito, schiavo degli istinti, e in perenne contrasto con gli altri X-Men, in questa serie si pone l’accento sul rapporto ambiguo tra il supereroe ed il villain Magneto. Invece in Era dell’Apocalisse, Wolverine combatte in un cupo futuro alternativo con la squadra degli X-Men guidati da Magneto.

Da segnalare anche l’intrigante serie Amalgam Wolverine si fonderà con Batman generando il supereroe Dark Claw e la splendida serie pubblicata nel 1994 Arma X di Barry Windsor-Smith che finalmente fa luce sulle origini di Wolverine, serie che in parte ha ispirato il recente spin-off X-Men le origini: Wolverine.

Il mondo ed il personaggio di Wolverine hanno avuto quattro trasposizioni cinematografiche, la trilogia di X-Men inaugurata da Bryan Singer e lo spin-off su Wolverine, nonchè molte serie animate tra cui X-Men (1992), X-Men: Evolution (2000), Wolverine and the X-Men (2009) e alcune apparizioni come nell’episodio pilota di Pryde of the X-Men (1982) e nella celebre Spiderman the animated series.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>