Un’ombra sulla verità: un film di Philippe Le Guay

di Kino Commenta

Capolavoro della cinematografia francese, i rotocalchi lo paragonano a Polanski, importante, avvincente, notevole: Un’ombra sulla verità è il film Vincitore del premio del pubblico al France Odeon del cinema di Firenze, che ha ricevuto numerosi plausi, per la sua costruzione, per la sua bellezza, per essere un film contemporaneo, attualissimo e tagliente allo stesso tempo. La pellicola è ambientato nella Parigi moderna, e racconta di una coppia Simone ed Helene, che decidono di vendere la loro cantina, ubicata nello stesso stabile in cui vivono. All’annuncio risponde un uomo di nome Fonzic, che decide di acquistare senza però comunicare ai proprietari che avrebbe trasformato quel luogo nella sua casa.

 

Questo trasferimento, causa non pochi problemi ai condomini dello stabile, che entrando in contrasto con l’uomo misterioso, espongono le loro lamentele ai Sandberg che provano ad annullare la vendita, ma senza successo. L’equilibrio della coppia viene minato dalla presenza dell’uomo, che lega con la figlia adolescente della coppia, cercando di allontanarla dai propri genitori. Un’ombra sulla verità, è un thriller perfettamente costruito, che mette al centro una tematica delicata come l’antisemitismo, e di come, questo si intrecci con le persone, e tra le persone, in una catena di pregiudizi, di silenzi, paure, scontri e disequilibri.

 

Philippe le Guay, ha ricevuto a Firenze, dove il film è stato presentato, una figlia d’oro incastonata in due cristalli, premio, per il suo capolavoro, per la sua maestrìa, per la sua capacità di raccontare l’antisemitismo, per la sua capacità d’impatto, per l’emozione, che il suo nastro ha suscitato. Un triangolo d’eccezione: tre punte di diamante, rappresentate dai tre protagonisti, Helene e Simone, rispettivamente interpretati da Berenice Bejo e Jeremie Ranier, e dall’uomo misterioso, che acquista la loro cantina, Francois Cluzet. Tutti gli arrangiamenti musicali di Un’ombra sulla verità, sono stati curati da Bruno Coulais. Il film sarà nelle sale il 31 agosto 2022, e si attende come un film d’eccezione, un film emozionante.

 

Prodotto dalla BIM Distribuzione, della durata di 114 minuti, la pellicola è stata acclamata dalla critica ed è attesissima nelle sale, proprio per la sua caratterizzazione singolare. Un’ombra sulla verità, il cui titolo originale è l’homme de la cave, è un racconto ampio, sentito, coinvolgente, che tratta una tematica delicata, ma anche di come l’antisemitismo e il negazionismo si intreccino alle relazioni e di come possano influenzarle. E’ una pellicola vera, realistica, che vanta un grandioso cast, un film di fine estate, che si preannuncia spettacolare, pieno di significato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>