Tornatore – Sorrentino: duello per i Nastri d’Argento

di Redazione Commenta

Senza ombra di dubbio, le loro opere resteranno nella storia della settima arte, data la qualità che rivestono e rivestiranno. “La grande bellezza” e “L’ultima offerta” portano i registi a contendersi i prestigiosi premi.

Nove candidature a testa per i due registi. Chi la spunterà? Un nuovo testa a testa anima la stagione cinematografica post-Festival di Cannes e, con ogni probabilità, la vittoria ai Nastri d’Argento rappresenterebbe un buon ‘contentino’ per il regista napoletano.

Il suo film era tra i favoriti per la vittoria della Palma d’Oro, ma Spielberg & giurati non hanno pensato la stessa cosa di critici e giornalisti. Così, la troupe è tornata in Italia senza neanche un premio. Un peccato per Sorrentino, che cinque anni fa sempre in coppia col ‘fido’ Toni Servillo (attore feticcio del regista) aveva portato a casa il Grand Prix Speciale della Giuria. Resta l’impressione, confermata dai botteghini, che “La grande bellezza” è un film da andare a vedere. Uno di quelli che lasceranno il segno.

Lo stesso dicasi per “La migliore offerta”, leggermente più datato, di Giuseppe Tornatore. Il regista di Bagheria (che tre giorni fa ha compiuto cinquantasette anni) ha dato alla luce un’opera complessa e completa nello stesso tempo. Si parla di un’illusione, vissuta tra meravigliosi scenari devoti all’arte e contenuti azzeccati e pregni di un linguaggio quasi aulico. Un film in pieno stile-Tornatore. Fa sognare, ma basta un ‘niente’ e rimette tutto e tutti con i piedi per terra bruscamente.

Il 6 luglio sapremo quale dei due film potrà mettere più titoli nel proprio palmares, a sigillo di un’esperienza importante per i protagonisti e per gli spettatori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>