Magic City al cinema con grandi attori

La serie TV di Mitch Glazer “Magic City” è pronta a sbarcare sul grande schermo e lo farà con un cast stellare: Jeffrey Dean Morgan, Bruce Willis, Bill Murray, Olga Kurylenko, Danny Huston e Kelly Lynch.

Taylor Kitsch e Brendan Gleeson in The Great Seduction, Jóhannes Haukur Jóhannesson e Arnar Dan in Noah, Bill Murray in St. Vincent De Van Nuys  (4)

Ghostbusters 3: Bill Murray suggerisce le attrici

Dopo le voci insistenti di un reboot di “Ghostbusters” tutto al femminile, a parlare è uno dei protagonisti del film originale, Bill Murray.

Ghostbusters 3, Dan Aykroyd conferma che Bill Murray non ci sarà

L’attore non solo sembra approvare questa versione tutta al femminile di “Ghostbusters” ma ha anche voluto dare dei suggerimenti su quelle che potrebbero essere le attrici che andrebbero ad interpretare le acchiappafantasmi.

“Monuments Men” al cinema dal 13 febbraio, Clooney torna alla regia

Monuments Men

George Clooney torna in cabina di regia per “Monuments Men”, un film con una tematica più che seria che vede tre soldati statunitensi a caccia di capolavori trafugati da Hitler. I tre militari sono Bill Murray, John Goodman e Matt Damon.

Il film è tratto dal libro dello storico Robert Edsel, che racconta del gruppo di soldati e di civili che appartennero al The Monument, Fine Arts and Archive Program. Il nucleo venne fondato dal presidente Roosevelt in compagnia con il generale Eisenhower al fine di difendere capolavori d’arte dalla razzia nazista ed evitare dunque che opere di Picasso e Salvador Dali venissero bruciate e considerate alla stregua di ‘arte degenerata’.

Rischiare la vita per salvare dei ‘capolavori’

Ne vale la pena? La risposta a questa domanda, pressoché retorica, è si. Sempre. Clooney lo sa bene e, nel presentare il suo film, ha fatto l’esempio dei terroristi talebani che distrussero edifici storici, delle truppe americane che non hanno protetto i musei in Iraq privando il popolo della loro identità. Dietro la pellicola, dunque, vi è una velata critica.

“Monuments Men” è un film che, nel contempo, gioca su alcuni clichet. La presenza del cattivo per eccellenza, tale Adolf Hitler, lo rende più ‘masticabile’, più ‘notiziabile’. Il resto è il racconto del furto d’arte più grande di sempre. Vennero rubati sei milioni di pezzi.

Per raccontare una simile impresa Clooney ha chiesto il budget più alto della sua carriera necessario alla realizzazione del film: 65 milioni di dollari. Il risultato? A dir poco garantito. Un flop sarebbe ancor meno tollerabile del furto d’arte raccontato in “Monuments Men”.

A Royal Weekend, recensione in anteprima

In uscita nelle sale cinematografiche italiane dal prossimo 10 gennaio, A Royal Weekend ripropone -da un’altra prospettiva rispetto a Il Discorso del Re che ha riportato in auge il filone storico nelle pellicole hollywoodiane- l’evento storico alla base dell’alleanza tra Stati Uniti e Gran Bretagna per l’imminente seconda guerra mondiale che sarebbe scoppiata di lì a poco: Bill Murray (nel ruolo del presidente Franklin Delano Roosvelt) e Laura Linney (Daisy Suckley) sono i protagonisti di una vicenda che mescola la leggerezza delle relazioni personali all’alchimia che si sarebbe instaurata tra due personaggi tanto importanti quanto incompresi, Roosvelt e il re George VI d’Inghilterra.

Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore, recensione

Stati Uniti 1965, sullo sfondo di una bucolica isola del New England di nome New Penzance il dodicenne Sam Shakusky (Jared Gilman), un orfano che frequenta un campo estivo di scout, si da alla fuga con Suzy Bishop (Kara Hayward) una ragazzina che vive sull’isola con i suoi genitori Walt (Bill Murray) e Laura (Frances McDormand) e tre fratelli più piccoli.