Successo per il cinema italiano in Turchia e vittoria a Norimberga

di Redazione Commenta

Non solo Gomorra: il cinema italiano continua a ricevere apprezzamenti nel mondo, a dimostrazione, che la nostra cinematografia sia ripartita, seppur con tantissime difficoltà. E’ di questi giorni la notizia del grande consenso che ha ottenuto Il Festival del Cinema Italiano ad Istambul e la vittoria di un cortometraggio italiano a Norimberga.

Andiamo con ordine: al festival organizzato da MedFilm Festival e l’Istituto Italiano di Cultura, nella capitale turca, sono stati molto apprezzati i film proiettati dal 29 novembre al 7 dicembre. Gli spettatori, che hanno invaso le sale, hanno giudicato, attraverso schede di valutazione, come film più belli Pa-ra-da, di Marco Pontecorvo e Tutta la vita davanti di Paolo Virzì.

In Germania, invece, il cortometraggio documentario, di Alessandro Allaria e Clemens Riha, La mano dura dell’Italia, impronte digitali per i bambini Rom, ha vinto la sezione Corti del concorso Film per i Diritti dell’Uomo di Norimberga: il film, che ha spiegato in sei minuti le scelte della politica italiana sulla questione dell’immigrazione è stato uno dei cinque (su 229) ad essere premiato dalla giuria del concorso organizzato da 17 fondazioni umanitarie, tra cui l’Unesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>