Salina Doc Fest

di Enrico.Nanni Commenta

E’ già in corso il giovanissimo SalinaDocFest – festival del documentario narrativo, diretto da Giovanna Taviani, che ha esordito appena l’anno scorso, con un ottima risposta da parte della critica e del pubblico.

Il festival si tiene a partire dal 22 Settembre al 28 Settembre 2008 e avrà luogo, pensate, a Salina. Fughe e approdi è il tema principale dell’allegra manifestazione. Di cosa si tratta in pratica? In sostanza si tratta di sette giorni di proiezioni, conferenze e dibattiti, scrittori, critici e registi.

Tutti quest i professionisti si confronteranno sul tema centrale del festival, accanto al quale ci sono il nostro paese, e il Mediterraneo che lo “abbraccia”. E’ proprio in questo che si identifica la fuga, e il conseguente approdo: la fuga dei migranti che cercano di approdare in una terra migliore, che a volte si rivela un’illusione, a volte si concretizza in qualcosa di sensato.

L’archetipo della fuga si ripete nella storia: dalle fughe arcaiche, a quella più recente dei nostri padri verso le Americhe. Quest’anno poi è un’occasione particolare, dato che nasce un gemellaggio con la Mostra Internacional de Cinema de Sao Paulo che – attraverso una giuria indipendente presieduta dal suo Direttore, Leon Cakoff – istituirà un premio per il miglior documentario.

Nel festival brasiliano si aprirà infatti, nel novembre 2008, uno spazio per un premio per il miglior documentario, con un “link” diretto al presente festival. Venerdì 26 ci sarà un approfondimento sul tema centrale della manifestazione: Il nuovo cinema italiano:autori a confronto, dedicato a una riflessione collettiva sul cinema italiano contemporaneo.

A seguire, verrà proiettato il film di G. Pannone Il sol dell’Avvenire, presentato al Festival di Locarno.

Parlando di giuria, c’è quella del concorso internazionale, presieduta da Curzio Maltese (giornalista), ed è composta da Luca Bigazzi (direttore della fotografia), Francesco Munzi (regista), Gianfranco Pannone (documentarista e docente universitario) e Alessandro Rais (storico del cinema e Presidente di Sicilia Film Commission).

Il comitato d’onore invece è costituito da Romano Luperini, Paolo Taviani, Vittorio Taviani e Bruno Torri, e avrà l’incarico di consegnare il premio Dal testo allo schermo allo scrittore Vincenzo Consolo che egalerà al SalinaDocFest un racconto autobiografico inedito intitolato Fuga e approdi.

Tra le novità avremo anche tre giorni di workshop dedicati al “Ritorno alla realtà nel cinema e nella letteratura contemporanei”, e l’iniziativa Giro rapido, una sfida di letteratura istantanea lanciata da Porsche Italia, rivolta a tutto il pubblico dell’isola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>