L’uomo visibile: diario di uno strano supereroe

di Pietro Ferraro Commenta

In un mondo dove tutti vogliono essere visibili ad ogni costo, dove se non si è al centro dell’attenzione non si è nessuno, uno strambo aspirante supereroe con manuale alla mano cerca di diventare invisibile, ci riuscira?

l’uomo visibile è un divertente cortometraggio realizzato da un quartetto di registi dal talento innegabile, non tanto per la realizzazione tecnica molto buona, ma senza particolarità stilistiche o scelte originali di sorta, ma per una certa inclinazione al demenzial-nostalgico, un modo di far ridere velato di malinconia e con un messaggio intelligente.

Come acennato il montaggio e la regia sono nella norma, gli attori se la cavano egregiamente anche aiutati non poco dall’inflessione dialettale che colora gli scarni dialoghi, simpatico e surreale il protagonista.

Vincitore dell’edizione2007 del 50 ore Film Festival di Bologna, questo corto si distingue anche per una colonna sonora particolarmente azzeccata, la deriva demenziale è ben contenuta e mantiene un equilibrio con una certa malinconia di fondo che ci ha colpiti perchè appena percettibile, ma efficace ed incisiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>