Leonardo DiCaprio, una vita da attore

di Massimiliano Miano 6

Fin dal 1997, Leonardo DiCaprio è il sex symbol per eccellenza, grazie alla magistrale interpretazione del film Titanic, record assoluto di incasso e maggior detentore in fatto di premi oscar, mai realizzato, ne prima, ne dopo. Nel corso degli anni si è altresì rivelato un ottimo attore, lavorando con artisti e registi di fama internazionale.

Il suo primo ruolo cinematografico è datato 1991, con la partecipazione al b-movie Critters 3; nel 1993 partecipa al film apprezzato dalla critica, Voglia di ricominciare, affiancando Robert De Niro nel ruolo di figliastro.

Lo stesso anno, Leonardo DiCaprio interpreta il ruolo di un ragazzo portatore di handicap nel film di Lasse Hallstrom, Buon compleanno Mr. Grape, con Johnny Depp e Juliette Lewis, per il quale ottiene le nomination ai Golden Globe e agli Oscar come migliore attore non protagonista.

Nel 1995 interpreta la vita di Jim Carroll nel film Ritorno dal nulla, per la regia di Agnieszka Holland, e l’esistenza travagliata di Arthur Rimbaud, ruolo ereditato da River Phoenix in seguito alla sua prematura scomparsa, in Poeti dall’inferno, centrando la storia sul rapporto omosessuale tra il giovane poco più che adolescente e il più maturo Paul Verlaine, interpretato dall’attore inglese David Thewlis.

Nel 1996 prende parte a Romeo+Giulietta dell’australiano Baz Luhrmann, ottenendo tre nomination agli MTV Movie Awards ed un premio al Festival di Berlino, nella categoria miglior attore.

Nello stesso anno ottiene la parte per La stanza di Marvin, a fianco di Meryl Streep e Diane Keaton, entrambe nominate all’Oscar, con Robert DeNiro, nei panni di produttore.

Ancor prima dell’uscita di Titanic, DiCaprio è a Parigi per le riprese del film in costume La maschera di ferro, con Gabriel Byrne, John Malkovich, Jeremy Irons, Gerard Depardieu, Anne Parillaud, per la regia di Randall Wallace, già sceneggiatore di Braveheart.

Il 2000 segna il ritorno sulle scene dell’attore, dopo una pausa dedicata alla salvaguardia dell’ambiente, che lo porta a realizzare documentari che illustrano le emergenze della terra, dall’ambiente a agli animali in pericolo di estinzione, partecipando altresì a conferenze mondiali sull’approvvigionamento idrico sempre più scarso, e sul rischio desertificazione e disboscamento selvaggio.

Recita come protagonista nel film di Martin Scorsese, Gangs of New York, insieme a Cameron Diaz, e da quì nasce un sodalizio tra Scorsese e lo stesso DiCaprio. Negli USA il botteghino fa registrare un incasso superiore ai 70 milioni di dollari, il più alto in assoluto tra i film del regista italo-americano, fino al 2006, anno di uscita di The Departed. Il film esce in tempo utile per concorrere all’annuale assegnazione degli Oscar; ottiene dieci nomination ma non vince neanche un premio.

Terminate le riprese di Gangs of New York, DiCaprio recita nel film di Steven Spielberg, Prova a prendermi, il quale supera ampiamente la soglia dei 160 milioni di incasso. La storia è quella vera di Frank W. Abagnale, un sedicenne che riesce a truffare lo stato per milioni di dollari, finendo per questo sulla lista dei criminali più ricercati dall’FBI di tutti i tempi.

DiCaprio viene candidato al Golden Globe nella categoria miglior attore di commedia-musical per il ruolo in Prova a prendermi, e come attore drammatico in Gangs of New York.

La collaborazione con Martin Scorsese si rinnova nel 2005, con l’uscita di The Aviator. Il film è il favorito nella corsa all’Oscar, forte di undici nomination e di un incasso che solo negli Stati Uniti sfiora i 110 milioni di dollari. The Aviator ottiene cinque statuette, compresa quella per le migliori scenografie e miglior attrice non protagonista. DiCaprio è candidato nella categoria miglior attore protagonista, dopo aver vinto il Golden Globe come miglior attore drammatico.

Il sodalizio artistico Scorsese-DiCaprio, continua nel 2006 con il film The Departed. Il soggetto prende spunto dal film Infernal Affairs dal cui successo sono nati un prequel ed un sequel.

The Departed è il film più applaudito della prima edizione del Festival del Cinema di Roma e, presentato ai media e pubblico dagli stessi Scorsese e DiCaprio. Il film ottiene sei nomination ai Golden Globe, di cui una DiCaprio come miglior attore drammatico e vince quattro Oscar, tra cui miglior regia, (primo oscar per Scorsese) e miglior film.

Rivedremo prossimamente Di Caprio, nelle pellicole Shutter Island – L’isola della paura, thriller psicologico, tratto dall’omonima opera di Dennis Lehane in uscita nelle sale il prossimo anno per la regia di Martin Scorsese, ed in Nessuna verità, progetto affidato a Ridley Scott, che vede DiCaprio nelle vesti di un giornalista inviato dalla CIA per scovare un terrorista mediorientale che si nasconde in Giordania. Al fianco del giovane attore, Russell Crowe.

Commenti (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>