Dowton Abbey: Tutto ciò che c’è da sapere sulla serie

di Kino Commenta

Dowton Abbey 2, è la pellicola cinematografica che prende ispirazione dall’omonima serie di successo. A seguito della conclusa sesta stagione, è iniziato un altro viaggio: dal piccolo al grande schermo, un lancio, che è un nuovo fiorire, che racconta del viaggio della famiglia Crawley, rispolverandone gli antichi splendori. Nel film, vengono presentate diverse novità: la prima è il matrimonio di Tom, che in realtà sarà l’evento “prequel” al quale conseguiranno una serie di altri eventi. La tenuta di Dowton Abbey, necessiterà di una ristrutturazione e in mancanza di fondi, la famiglia Crawley, deciderà di accettare di cedere il castello ad una nota cada di produzione cinematografica, che intende utilizzate la splendida tenuta per le riprese di un film.

 

L’arrivo del cast sul set, scombussolerà gli equilibri della famiglia, che tenderà a dividersi, rispetto alla scelta stessa ma anche rispetto ad altre situazioni, che li poterà ad assumere posizioni differenti. Questo cambiamento, in realtà avrà aspetti negativi solo all’inizio: successivamente, ci saranno una serie di relazioni che si intrecceranno, tra alcuni componenti della famiglia e le star del film. Queste nuove situazioni, cambieranno nuovamente gli equilibri, creando nuovi e interessanti partnership.

Altra importante novità, riguarderanno il personaggio di Lady Violet. L’anziana donna, infatti, riceverà (inaspettatamente) in eredità, una lussuosa tenuta da una sua fiamma di gioventù. Questa situazione, creerà nuovi squilibri, in quanto la donna, sarà costretta a scontrarsi con la vivente moglie del donatore, agguerrita per aver perso l’eredità.

 

Lo stile del film, resta lo stesso della serie: intrecci, flirt, segreti, ma il piglio che viene dato alla pellicola, è assolutamente più leggero e scivoloso. I dialoghi diventano ricchi di ilarità e ironia, il ritmo più rapido ed intenso, l’impatto emotivo ed il coinvolgimento, più forti. La sostanza tutta di Dowton Abbey 2 è notevole. La parola d’ordine dunque, è “Cambiamento”: non un cambiamento radicale della trama, dei personaggi e delle loro caratterizzazioni, ma dello stile, per l’appunto, che muta e veste una nuova pelle. Il lancio dal piccolo al grande schermo, si conferma dunque un’operazione di successo, che farà breccia nel cuore del pubblico, dove ci sarà sempre spazio per questa storia e per i personaggi che l’hanno raccontata.

 

Non è la prima volta che viene effettuata questa operazione: anche Gomorra, serie italiana di successo, è stata lanciata sul grande schermo con “L’immortale”, per poi tornare al piccolo schermo per concludersi in modo definitivo. Il salto dunque, rappresenta un passaggio conclusivo, assolutamente d’effetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>