B-cult, Scanners

di Pietro Ferraro 1

Oggi per i B-cult torniamo ad occuparci del regista David Cronenberg e di uno dei suoi film meno apprezzati dalla critica dell’epoca, parliamo del 1981, ma tappa indispensabile per intraprendere il percorso che porterà a capolavori come Videodrome e a tutta la tematica della mutazione che verrà esplorata nei successivi La mosca, Crash ed eXistenZ.

Stiamo parlando Scanners, film che miscela con efficacia horror, fantascienza e thriller raccontandoci di una multinazionale farmaceutica e di un farmaco sperimentale che somministrato a donne in stato di gravidanza crea una generazione di telepati dai devastanti poteri telecinetici, soprannominati Scanners.

Cronenberg teorizza di complotti, multinazionali, sperimentazioni e mutazioni genetiche, un repertorio già affrontato in parte nei precedenti Brood-La covata malefica e Il demone sotto la pelle, in quel caso con l’aggiunta dell’elemento ansiogeno del contagio e alcune tipicità del genere horror.

Scanners nonostante un vistoso taglio televisivo e uno script non sempre all’altezza, possiede gli elementi indispensabili a farne un cult, tra cui contenuti che precorrono i tempi e che ancora oggi a distanza di anni possiedono un mix di fascino ed inquietudine che travalica generi e mode.

Come in tutta la produzione horror di Cronenberg il make-up è parte integrante della narrazione e punta all’estremizzazione visiva e all’effetto disturbante. Per questa pellicola il regista si affida al make-up artist premio Oscar Dick Smith, nel curriculum cult come L’esorcista, Taxi Driver e Il padrino

Scanners fruirà di due sequel direct-to-video, Scanners 2: Il nuovo ordine (1991) e Scanners 3: The takeover (1992) entrambi diretti dal canadese Christian Duguay, che nel 1995 dirigerà un altro piccolo gioiello del genere, il fanta-horror tratto da Philip K. Dick Screamers-Urla dallo spazio.

Da rivalutare perchè: nonostante non sia invecchiato benissimo resta un cult a tutti gli effetti e un riuscito mix di diversi generi che Cronenberg miscela con una certa efficacia.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>