AFM e TerradiSienaFilmFestival

di Enrico.Nanni Commenta

Santa Monica sarà nei prossimi giorni il teatro ideale per lo svolgimento dell’American Film Market, il risultato di una proficua tendenza collaborativa che vede coinvolte la produzione e la distribuzione delle opere cinematografiche indipendenti.

Otto giorni pieni zeppi di seminari, proiezioni, conferenze, a cui parteciperanno più di 8000 avventori professionisti dell’industria del cinema. Ci sarà modo di stabilire collegamenti in quella che è la sempre più fitta e connessa “rete del cinema indipendente”.

A differenza degli altri festival, le mani strette a Santa Monica concludono affari, sullo sfondo di ventitre schermi che faranno da contenitori per le proiezioni non stop. I partecipanti potranno assistere a circa 500 film, approssimativamente 31 nuovi film ogni due ore.

Chi non ha voglia di allontanarsi troppo, può invece accontentarsi, si fa per dire, della XII edizione di TerradiSienaFilmFestival, ideato e diretto da Maria Pia Corbelli. Si rinnova la qualità delle precedenti edizioni, che si riconosce anche nei temi focali: difesa dell’ambiente, l’infanzia violata, i diritti umani e la pace.

Oltre alle proiezioni e alla sezione competitiva avremo quindi incontri e dibattiti. In primo piano la prima mondiale del film Contamination di Rodion Nahapetov, con Eric Roberts e Karen Black.

Vedremo anche un’interessantissima retrospettiva dedicata all’attore internazionale Adolfo Celi a vent’anni dalla sua morte. Potremo inoltre partecipare a La Televisione e il cinema italiano – il grande cinema protagonista in televisione, un convegno a cura di Adriano Amidei Migliano ed Emilio Ravel dal titolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>