Locarno 2009: quarto giorno

di Pietro Ferraro Commenta

Ieri il Locarno International Film Festival ha premiato Toni Servillo, in Piazza Grande l’attrice Anna Bonaiuto ha consegnato all’attore napoletano il prestigioso riconoscimento Excellence Award-Moet & Chandon 2009. In occasione della premiazione è stato proiettato il film Le conseguenze dell’amore di Paolo Sorrentino

Prima di passare al programma odierno segnaliamo che oggi in mattinata l’attore parteciperà al forum Spazio Cinema dove incontrerà il pubblico del festival e gli addetti ai lavori per una discussione pubblica.

Ed ora uno sguardo ai film di oggi, per il Concorso Internazionale tre le pellicole proiettate, tra queste La Donation di Bernard Emond, terzo capitolo della trilogia del regista francese che esplora la carità e i rapporti interpersonali attraverso gli occhi di un medico traumatizzato da un tragico evento che lo ha portato a tentare il suicidio.

Per l’omaggio al cinema orientale, la sezione speciale Manga Impact ci propone due chicche tra le numerose proiezioni odierne, il cult cyberpunk di Mamoru Oshii Ghost in the shell e Nausicaa della valle del vento di Hayao Miyazaki.

Il cinema italiano come al solito sarà ben presente, per la sezione Cineasti del presente il film Sogno il mondo di Venerdì di Pasquale Marrazzo e per la sezione Ici et Ailleures il documentario di Gianfranco Mingozzi Noi che abbiamo fatto La dolce vita.

Concludiamo con due eventi speciali, il primo è un omaggio al documentarista Alvaro Bizzarri, operaio italiano che negli anni ’70 con una cinepresa super 8 realizzò due documentari sulla condizione di vita dei lavoratori immigrati, invece per La Cineteca Italiana un omaggio a Walter Chiari con la commedia Quel fantasma di mio marito di Camillo Mastrocinque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>