Ieri come da copione il Leone d’oro della sessantaseiesima Mostra del Cinema di Venezia se lo sono giocato sul filo di lana l’austriaco Lourdes e l’israeliano Lebanon, con la vittoria di quest’ultimo e grande commozione per un atipico e intimista war-movie contro la guerra come principio assoluto.

Dedico questo premio alle migliaia di persone nel mondo che tornano dalla guerra come me sani e salvi. Si sposano, hanno figli ma dentro i ricordi rimangono stampati nel cuoreringrazio il cast e il produttore –ha aggiunto il regista– Questo magico feeling sullo schermo ha fatto del nostro film un film unico. Viva l’arte del cinema, viva la Biennale, viva Venezia!

Questo è lo spirito che ha animato il vincitore dell’ambito Leone d’oro Samuel Maoz, il regista visibilmente emozionato ha ringraziato la giuria e in particolare il suo presidente, il regista Ang Lee, che ha puntualizzato:

La decisione migliore possibile: eravamo tutti d’accordo, non c’è stata discussione.

NOTE BIOGRAFICHE

Samuel Maoz è un cineasta di Tel-Aviv classe 1962, è praticamente un esordiente, alle spalle Total eclipse documentario girato nel 2000, Maoz gira un film ambientato all’interno di un carrarmato durante la prima guerra del Libano, lui che è stato addestrato comea artigliere a vent’anni racconta l’orrore di una guerra non voluta e combattuta a forza.

Fare questo film è stata una necessità – racconta il regista – dovevo trovare il modo di scaricare una responsabilità. E per farlo non potevo realizzare un film politico, ma un’opera che avesse parlato allo stomaco e non alla testa della gente…Perché in guerra non c’è un buono o un cattivo: la guerra è il cattivo, e gli altri le vittime. E tra le vittime, di tanto in tanto, ci sono anche coloro i quali vengono forzati a prenderne parte: i soldati conoscono la differenza tra bene e male, ma la guerra riesce a trovare una formula atta a giustificare l’orrore, la morte.

LEBANON

Libano, giugno del 1982, quattro soldati, poco più che ragazzi, viaggiano all’interno di un carrarmato attarversando un villaggio appena bombardato dall’aviazione israeliana, Assi, Shmulik, Herztel e Yigal si trovano a fronteggiare una situazione più grande di loro, spaventati e inesperti affronteranno una giornata da incubo che sembra non prevedere alcuna via d’uscita.


Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>