John Patrick Shanley: dal Bronx al Pulitzer

di Pietro Ferraro 1

John Patrick Shanley è principalmente un richiestissimo sceneggiatore, la sua filmografia da regista consiste in un solo lungometraggio, Joe contro il vulcano surreale commedia avventurosa con un giovanissimo Tom Hanks che risale al 1990, si vocifera in quel di Hollywood che ci sia un fantomatico contratto che non permetta alcuna ingerenza o intervento da parte delle major nelle sceneggiature di Shanley, ma lui nega.

John Patrick Shanley nasce nel Bronx (New York) il 3 Ottobre del 1950, madre centralinista e padre operaio in una fabbrica di carni, l’autore lavora molto in tetaro dove riceve prestigiosi premi e molti riconoscimenti, il suo debutto è nel 1982 con l’opera teatrale Welcome to the moon.

Nel 1987 il suo Stregati dalla Luna vince l’Oscar come miglior sceneggiatura originale, il seguente un Detective… particolare (1987) non ha il medesimo successo. nel 1990 debutta dietro la macchina da presa con Joe contro il vulcano, parabola di un uomo convinto della sua imminente dipartita che vive gli ultimi giorni intensamente per poi decidere di suicidarsi gettandosi in un vulcano, il film non ebbe grande successo, ma contribuì al consolidamento della star in ascesa Tom Hanks.

Nel 1993 realizza la sceneggiatura dell’ottimo Alive-sopravvissuti, storia vera di cannibalismo fra superstiti di un incidente aereo, Il suo lavoro successivo, sempre come sceneggiatore, è l’adattamento per il grande schermo del romanzo di Michael Crichton, Congo (1995), ne viene fuori un film riuscito a metà tra avventura, gorilla e suggestivi paesaggi africani, i momenti di stanca sono molti.

Nel 2005 il suo lavoro teatrale Doubt: a Parable è insignito del premio Pulitzer, del Drama desk, e di un Tony award come miglior sceneggiatura, gia si pensa ad un adattamento per il grande schermo.

Nel 2008 è parsa naturale la scelta dello stesso Shanley per la trasposizione su schermo della sua pluripremiata piéce teatrale, dal 30 Gennaio 2009 nelle sale italiane. interpretata da due attori in corsa per l’Oscar, Meryl Streep e Philip Seymour Hoffman, Il dubbio, duello d’attori in una scuola cattolica nel Bronx degli anni ’60.

Commenti (1)

  1. Intensa l’atmosfera, in linea con il tempo della narrazione. Forse un pò lento ,ma anche qui giustificato dall’argomento in oggetto.
    A me non dispiace affatto, sarà che non mi stanco mai di assistere alle interpretazioni impeccabili della Streep?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>