Il ritorno della scatenata dozzina, recensione

di Pietro Ferraro 4

I piccoli Baker crescono, anzi alcuni di loro sono bell’e pronti a spiccare il volo dal nido, è questo distacco in lento divenire che Tom (Steve Martin) e Kate (Bonnie Hunt) si trovano ad affrontare con Tom che sembra, al contrario della moglie, meno incline a lasciare che i suoi figli crescano ed intraprendano i loro percorsi di vita cominciando a desiderare altro che lo stare in famiglia.

Tra i fuggitivi Lorraine (Hilary Duff) che sogna l’indipendenza e studi in quel di New York, Nora (Piper Perabo) sposata con Bud (Jonathan Bennett) comunica all’esterefatto padre che si trasferirà a Houston per seguire il marito appena promosso sul lavoro e Charlie (Tom Welling) che come Lorraine si prepara ad affrontare gli studi universitari.

Papà Tom però non si vuole rassegnare a questo fuggi fuggi generale e pianifica un’ennesima affollata riunione di famiglia sulle rive del Lago Winnetka, riuscendo a convincere anche i più riluttanti ad unirsi a lui, questi ultimi spinti dalla certezza che forse per la famiglia Baker questa potrebbe essere l’ultima occasione di passare una vacanza tutti insieme.

Giunti sul posto i Baker incroceranno l’agiatissima famiglia Murtaugh che sembra uscita da uno spot televisivo, così l’ipercompetitivo capo-famiglia Jimmy (Eugene Levy) sposato con la giovane e sexy Sarina (Carmen Electra) e in vacanza con i suoi otto figli, quattro meno dei Baker, riuscirà a trascinare il povero Tom, già afflitto da una incipiente sindrome del nido vuoto, in una serrata competizione tra famiglie che tra un disastro e l’altro, qualche figuraccia e tante risate riuscirà a rendere ancor più solido il ménage familiare dei numerosi e favolosi Baker.

Il regista Shawn Levy dietro la macchina da presa per Una scatenata dozzina passa il testimone per questo sequel ad Adam Shankman, restando comunque co-produttore dell’intera operazione, torna anche Steve Martin e tutto il cast originale, ma ritmi e brio sembrano inesorabilmente appannati trasformando il film in un fiacco sequel con tutti i crismi del caso, ma inferiore all’originale e incredibilmente piatto nella parte squisitamente slapstick.

Il ritorno della scatenata dozzina è il tipico family-movie che si lascia guardare grazie al sin troppo nutrito cast e ad una bucolica messinscena che fa da sfondo a qualche gag più o meno riuscita e ad uno Steve Martin poco in sintonia con uno script debole e dispersivo, senza dubbio un film che incrociato in tv per qualche pomeriggio invernale in famiglia potrebbe rivelarsi un passatempo accettabile, ma niente di più.

Note di produzione: Nell’affollato cast oltre ad Hilary Duff e a qualche voto noto del piccolo schermo come il Tom Welling di Smallville e la Piper Perabo di Covert Affairs anche Taylor Lautner, il licantropo Jacob della saga di Twilight, all’epoca appena tredicenne.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>