Il mio grosso grasso matrimonio greco: recensione

di Pietro Ferraro 12

 Toula Portokalos (Nia Vardalos) è una ragazza di origine greca sull’orlo di una crisi di nervi, sente l’invadenza di una famiglia in cerca per lei del partito ideale, naturalmente greco, e di una serie di tradizioni da rispettare che le vanno decisamente strette.

La sua prigionia finisce nel momento in cui la madre compreso il bisogno di indipendenza della figlia la iscrive ad un corso universitario d’informatica, così da complessata ed introversa, Toula si traforma in una spigliata e solare ragazza piena di vita.

Un nuovo e provvidenziale lavoro offertogli dalla zia Voula (Andrea Martin) nella sua agenzia di viaggi, permette a Toula di allontanarsi dalla sua famiglià e di  incontrare l’uomo della sua vita, l’affascinante insegnante di letteratura Ian Miller (John Corbett), tra i due è colpo di fulmine.

La vita della coppia purtroppo non sarà per nulla semplice, perchè  il padre di Toula è deciso a mettere i bastoni tra le ruote ai due, perchè caschi il mondo, sua figlia dovrà sposare un bravo ragazzo greco…

Il mio grosso grasso matrimonio greco è una spigliata e divertente commedia romance che divertirà sicuramente perchè scritta con una certa leggerezza e molto ironica e caustica nonostante la rosea confezione romantica.

In realtà lo scontro fra tradizione e nuove generazioni, ed il gioco del corpo estraneo inserito in una famiglia unita e trincerata dietro la propria cultura in una strenua difesa delle proprie radici, funziona decisamente bene e diverte, anche grazie ad un cast che fa pienamente il suo dovere caratterizzando un nucleo familiare spassoso e vitale.

La storia scritta e sceneggiata dalla protagonista Nia Vardalos, si ispira in parte alla vera storia d’amore dell’attrice e del suo marito americano, contrastata dalle imposizioni della sua famiglia riguardo le origini non greche del futuro consorte.

Il mio grosso grasso matrimonio gerco è una divertente e simpatica comedy adatta a tutti, scritta bene e recitata con il giusto appeal, che altro dire se non che la consigliamo caldamente per una rilassante serata all’insegna del buonumore.

Commenti (12)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>